Sui mercati ritorna la regina volatilità

a cura della Dott.ssa Giovanna Maria Cristina Sambataro dai suoi uffici di Boston

 

La seduta dei mercati asiatici è stata abbastanza contrastata, ma Tokyo riesce a recuperare a fine sessione. La causa portante della loro discesa è stato lo yen che è stato scambiato a 111,80. Durante la sessione europea, invece, il dollaro ha recuperato il terreno perso della seduta asiatica e la coppia EUR/USD, dopo aver toccato la quota 1,0685, ritorna a essere scambiata intorno a 1,0570.

Le borse europee, peraltro, aprono in territorio negativo. L’incertezza della coesione degli stati membri trasmette instabilità e Piazza Affari perde quasi un punto percentuale. MPS ritorna a pesare fortemente sul listino italiano, nonostante la ricapitalizzazione in atto, si teme che essa non vada a buon fine poiché lo stesso istituto espone la banca a un rischio di bail-in.

I mercati americani, nel frattempo, aprono al rialzo su un territorio leggermente negativo.

Il Black Friday ha incrementato il numero di consumatori e le vendite maggiori sono state quelle online.

Nonostante la serenità della foriera crescita economica americana, le elezioni sembrano non aver chiuso il loro capitolo, anzi. I democratici sono riusciti a raccogliere i fondi necessari per avviare la procedura di riconteggio delle schede affinché venga appurato che non vi siano stati atti di sabotaggio da parte di hacker.

Gli Stati coinvolti sono Winsconsin, Michigan e Pennsylvania. Tale procedura deve concludersi prima del 19 dicembre, quando si riuniranno i Grandi Elettori per approvare il passaggio tra i due Presidenti, Obama e Trump.

Ci saranno, pertanto, sorprese all’orizzonte oppure è una mera utopia da parte di un partito che non ha accettato la sconfitta?

 

Chi vuole essere portato per mano e vuole, guadagnare costantemente sui mercati puo’ sottoscrivere l’abbonamento al Blog Riservato

 

Consigliati per te