Sui mercati prevalgono indicazioni ribassiste

 Sui principali indici e futures azionari stanno prevalendo segnali di medio decisamente ribassisti.

Già in precedenti analisi avevo sottolineato le consistenti divergenze ribassiste, che facevano pensare, sui diversi time frames, ad una prossima inversione ribassista.

Ma, come sempre, la priorità va data ai segnali derivanti dai prezzi, le cui dinamiche, peraltro, stanno confermando la negatività prospettica già segnalata.

Ieri, alla vigilia della chiusura mensile, su Eurostoxx e Ftse mib abbiamo assistito alla tenuta delle soglie di resistenza statica di lungo termine, segnalate da PLT.

Sul Dax nella seduta di giovedì si è formato un massimo mensile su livelli coincidenti con un target di medio/lungo, proiettato secondo il metodo Magic box.

Sullo S & P 500 stiamo assistendo alla tenuta del target di medio/lungo in area 2777/2787.

Per chi desiderasse poi trovare ragioni economiche ad un possibile ribasso delle borse, andrebbe rimarcato il potenziale recessivo di certe politiche di Trump.

Secondo la maggior parte degli economisti, il ritorno ad una sorta di autarchia economica, che pare confermata dalle prime decisioni della nuova amministrazione statunitense, nel passato solitamente non ha determinato periodi di espansione.

E, statisticamente, siamo entrati in una finestra temporale in cui un periodo recessivo negli USA è probabile.

Del resto, anche l’appiattimento della curva dei rendimenti USA, cui stiamo assistendo, starebbe a dimostrare come il mercato ritenga maggiormente probabile, rispetto a non molto tempo fa, un periodo di rallentamento, se non di vera a propria recessione.

Gian Piero Turletti è Autore degli Ebooks: Magic Box PLT Edizioni Proiezionidiborsa

ACQUISTALI ANCHE TU SE DESIDERI FARE ANALISI COME QUESTA

 

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te