Stupire gli ospiti con gli spaghetti profumati alla verza e olive

La verza è una di quelle verdure poco popolari sulle tavole degli italiani. Utilizzata perlopiù nel sud d’Italia, viene cucinata come ripieno di pizze rustiche o per piatti più elaborati della tradizione italiana.

Se vogliamo stupire gli ospiti, con gli spaghetti profumati alla verza e olive riusciremo nel nostro intento. Portiamo in tavola questa verdura e facciamo ricredere tutti sulla bontà di questo ortaggio.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

I passaggi per la ricetta sono pochi ma semplicissimi, e chiunque può cucinare questo piatto appetitoso.

Se si vuole fare più bella figura, si può abbinare alla ricetta un Catanalesca del Vesuvio e gustare un ottimo bicchiere di vino bianco.

Ingredienti

  • 380 gr di spaghetti;
  • 100 gr di cavolo verza;
  • 30 gr di olive nere già denocciolate;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • 1 pizzico di erbe della Provenza;
  • olio d’oliva;
  • 20 gr di pepe rosa in grani;
  • sale qb.

Stupire gli ospiti con gli spaghetti profumati alla verza e olive

Innanzitutto, bisogna pulire la verza dalle sue foglie esterne e lavare molto bene la verdura. Poi, su un tagliere, tagliare le foglie a striscioline, lasciandone alcune a parte per la decorazione del piatto.

Portare a bollore una pentola piena di acqua salata e cuocervi, insieme, la verza con gli spaghetti.

A parte, mentre la pasta cuoce, scaldare in una padella l’olio d’oliva con lo spicchio d’aglio. Unirvi quindi le olive snocciolate, il pepe rosa, le erbe provenzali e lasciar andare il sughetto per qualche minuto, le olive dovranno rilasciare il loro olio profumato.

Quando la pasta sarà cotta al dente, togliere la verza dalla pentola con l’aiuto di una schiumarola e scolare la pasta con l’aiuto di uno scolapasta. A questo punto, buttare la pasta nella padella antiaderente col sughetto profumato e mescolare il tutto perché l’olio venga assorbito dalla pasta. Infine, impiattare e decorare il piatto con le foglie di verza rimaste intere.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te