Stimolare l’intelligenza del neonato con il cestino Montessori e gli oggetti che tutti abbiamo a casa

Il cestino dei tesori, è un gioco per i neonati tra i 3 e i 18 mesi di vita. Comunemente si crede che sia stato ideato da Maria Montessori ma in realtà non è così. Giustamente viene associato alla metodologia montessoriana ma ha preso vita grazie all’esperienza della psicopedagoga britannica Elinor Goldschmied.

Il cestino dei tesori attraverso l’intrattenimento dei neonati ne favorisce lo sviluppo psico-cognitivo stimolando i 5 sensi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Per creare un cestino dei tesori, non sono necessarie grandi spese, anzi, l’ideale è proprio utilizzare oggetti di uso comune.

Nel cestino dei tesori è bene proporre differenti tipologie di materiali e poi avere l’accortezza di farli variare nel tempo, in modo tale da mantenere sempre attiva la curiosità dei bimbi.

Il cestino lo si potrà inserire nella cameretta del bambino o nel salone, così che il bimbo possa averne sempre libero accesso.

Come stimolare i 5 sensi del neonato

Ecco come stimolare l’intelligenza del neonato con il cestino Montessori e gli oggetti che tutti abbiamo a casa:

a) vista: la prevalenza di oggetti dovrà essere di colore neutro in modo tale che quelli colorati, di colore brillante e specchiati saranno più evidenti;

b) udito: oggetti che fanno rumore, sia tra di loro come quelli di metallo, che sonaglini o bottiglie sigillate riempite ad esempio di legumi o pasta;

c) olfatto: proporre oggetti con profumazioni naturali come le spezie che abbiamo in cucina, la camomilla o la lavanda;

d) gusto: come ben si sa, a quest’età è il senso preferito dei bambini, teniamo in conto assaggeranno tutto ciò che troveranno nel cestino;

e) tatto: per stimolare questo senso sarà bene proporre texture ruvide, lisce, morbide, fredde con forme e pesi differenti.

Occorrente per il cestino del tesoro che possiamo trovare a casa

Innanzitutto è necessario un cestino di fibra naturale abbastanza ampio al cui  interno si inseriranno gli oggetti del “tesoro”. Il cestino può essere con o senza coperchio, l’importante è che sia abbastanza capiente.

Ecco alcune idee di quello che può comporre il tesoro:

a) oggetti di metallo: cucchiaio, pezzi di catena, coperchi di pentoline, formine e ciotole di cucina;

b) oggetti di origine naturale: conchiglie grandi, pigne ben chiuse, sughero, spugne naturali;

c) oggetti di legno: mattoncini di legno, anelli di legno, cucchiarelle, piccole ciotoline, pettini, spazzole, cucchiano per il miele;

d) oggetti di tessuto: foulard colorati, palline di lana, pezzi di pelle, tessuti di seta, corde;

e) oggetti vari: sonaglini, palline, oggetti in lattice naturale, dentaruoli, etc.

A partire dai 7-8 mesi, quando il neonato avrà assunto una posizione seduta in autonomia e avrà iniziato ad avere più dimestichezza con le proprie mani, gli si potrà proporre un cesto dei tesori un po’ più complesso.

Ad esempio si potrebbero aggiungere delle bottigliette riempite a metà di liquido colorato, magari anche con l’aggiunta di purpurina. In questo modo i piccoli esploratori potranno divertirsi facendole muovere e scoprendo gli effetti con la luce.

Il cestino dei tesori dimostra quanto stimolare ed intrattenere i neonati sia molto più semplice ed economico di quanto si pensi. Con un po’ di fantasia, si può stimolare l’intelligenza del neonato con il cestino Montessori e gli oggetti che tutti abbiamo a casa. Solo un po’ d’immaginazione e qualsiasi oggetto diventa un tesoro.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te