Stanchezza, fastidi agli occhi e mal di testa potrebbero essere le spie di questi 5 comunissimi errori pericolosissimi per la salute

A quanti Lettori capita di arrivare alla sera, dopo una lunga giornata di lavoro, e provare una stanchezza difficile da spiegare? Non si tratta magari di un’una tantum, ma di una condizione costante, quasi invalidante.

Ci si sente stanchi sempre, e sempre più spesso, e quando la sera ci si mette a letto non si può fare a meno di domandarsi perché. Ritrovarsi ogni giorno con stanchezza, fastidi agli occhi e mal di testa, infatti, può essere particolarmente fastidioso. Non solo, trascurare questi problemi a lungo andare potrebbe diventare anche pericoloso.

Sarebbe facile dare la colpa della stanchezza cronica, al mangiar male oppure al fatto che si dorme o ci si muove poco. Non sarebbero, però, solo questi i motivi.

Basterebbero cinque cattive abitudini per spiegare per quale motivo ci si sente sempre stanchi.

Una delle ragioni principali sarebbe quella di non bere abbastanza acqua. Diversi studi hanno dimostrato come bere almeno 2 l di acqua al giorno aiuta a sentirsi meno stanchi. Nei gruppi degli esperimenti, coloro che venivano ben idratati dimostravano di avere in generale un umore migliore e di sentirsi più attivi.

Un’altra ragione apparentemente stupida per la quale ci si sente sempre stanchi è il non uscire mai di casa. Il sole aumenta infatti la produzione di vitamina D, la sostanza che tiene in salute le ossa, l’equilibrio del sistema nervoso e la regolarità del ciclo circadiano. In sostanza, prendere un po’ d’aria di giorno aiuterebbe a riposare meglio di notte.

Stanchezza, fastidi agli occhi e mal di testa potrebbero essere le spie di questi 5 comunissimi errori pericolosissimi per la salute

Gli altri errori sono più di natura abitudinaria che di salute.

Il flusso di lavoro non dovrebbe essere interrotto in nessun caso, a meno che non sia strettamente necessario. Questo è un consiglio per concentrarsi meglio, essere più produttivi e quindi stancarsi meno. Telefonate, messaggi, e soprattutto le notifiche dei social network sono tutte distrazioni che impedirebbero di gestire bene la propria giornata. In sostanza, sarebbe meglio concentrarsi sul lavoro che si sta facendo, concedendosi piccole pause regolari per le distrazioni.

Anche lo spazio lavorativo è importante in questo senso: l’ordine del proprio ufficio o della propria scrivania a stimolare anche un ordine mentale. In tempi di smartworking è facile confondere lo spazio di lavoro con quello casalingo, con tutto ciò che ne consegue. L’Università di Princeton ha dimostrato che una scrivania nel caos distrae e limita le capacità del cervello di concentrarsi. Una buona soluzione è dedicare ogni giorno cinque minuti per risistemare lo spazio lavorativo. Anche quello virtuale segue le stesse regole. Sarebbe meglio concentrare il lavoro in poche finestre realmente utili.

Infine, l’ultima cattiva abitudine da evitare è respirare male. Bisogna infatti ricordare che il diaframma è uno strumento prezioso per ossigenare meglio il sangue e, di conseguenza, il cervello, che si stancherà di meno.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te