Spread e rendimenti dei BTP in discesa

Spread ancora in calo. Rendimenti dei BTP in discesa.

Prosegue la discesa dello spread tra il nostro BTP decennale e il fantomatico gemello tedesco. Fantomatico perché il titolo sottostante al Bund tedesco su cui si muove il future del Bund stesso non esiste nella realtà.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO POTENZIALE FINO AL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

E questo già da diversi anni a causa  della discesa dei tassi tedeschi ben sotto i livelli immaginifici su cui ragiona invece ancora il future sul Bund.

Precisato questo, oggi sarebbe importante che la BCE non prendesse la palla al balzo per dare una stoccata agli operatori sul futuro dei tassi di interesse.

Anche solo un accenno a rialzi dei tassi di interesse in area UE nel 2019 potrebbe riversare fiumi di negatività sui listini azionari ma pure sui nostri BTP e relativo spread.

Bene l’asta dei BTP

Non sono ancora stati pubblicati sul sito del Ministero i dati i ufficiali ma tutto lascia presumere che  in scia al calo dello spread anche i rendimenti dei BTP assegnati oggi in asta siano scesi significativamente rispetto alla precedente emissione.

Resta da capire se questo è il timing migliore per incrementare le posizioni che già abbiamo suggerito di aprire sulla parte lunga della curva nelle scorse settimane.

Probabilmente dopo la conferenza di Draghi le idee,su come regolarsi coi BTP, saranno più chiare.
Per adesso rileviamo che chi ha comprato per ora oltre al buon rendimento ha realizzato anche un utile , per quanto provvisorio sui corsi.

BTP: L’incognita Unione Europea riguardo

Dopo le parole ottimistiche del premier Conte di ieri rilasciate a seguire l’incontro con Junker, tutto ci aspettavamo tranne che il nuovo richiamo di Moscovici.

Questo   signore Lussemburghese ha nuovamente detto che il passo indietro del governo non è sufficiente.

A pensare male si fa peccato, ma come non credere che simili dichiarazioni ,quando si discute di uno 0.04/0.08% che rappresenta il 3% del monte del 2,4% da cui il Governo era partito, siano quanto meno inopportune.

Siamo all’inizio di nuove  speculazione contro i nostri BTP?

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te