Sposi alle urne, in vestito bianco di pizzo ai seggi di Mondragone in provincia di Caserta

Nella vita occorre un sano spirito sportivo. Cioè quella capacità di romper le righe, scardinare i dettami del politically correct e fare un salto alle urne. Con tanto di trucco e parrucca. Tulle e velo. Accade a Mondragone, in provincia di Caserta. La sorte vuole che la data delle nozze dei due semplici cittadini Grazia Di Somma e Mauro Valente coincida con quella del voto. Per giunta, i due coniugi sono entrambi candidati. Per fortuna nella stessa lista, altrimenti il piatto della prima lite post nozze sarebbe già una certezza in tavola. I due sposini sono nella lista dei nomi del gruppo Mondragone Attiva, a sostegno della candidatura al ruolo di sindaco di tale Marco Pizzella.

Campagna elettorale e cotillon

Non solo prenotazioni, segnaposto, bouquet, imprevisti e tutto quanto comporta l’organizzazione di un matrimonio. Grazia e Mauro nei giorni scorsi trovano anche il tempo per dedicarsi alla vita civile. Con passione, si dedicano alla campagna elettorale e la simpatica curiosità è che la loro unione in matrimonio si proietta anche nella lista. Così vediamo gli sposi alle urne, in vestito bianco lei e lui in un classico completo scuro. Perché si candidano entrambi e vuoi vedere non ricevano tutti e due il numero giusto di preferenze per far parte del Consiglio comunale. Se la lista dovesse essere vincente, ovviamente.

Sposi alle urne, in vestito bianco di pizzo ai seggi di Mondragone in provincia di Caserta

Ad accoglierli ai seggi un applauso bipartisan da parte dei presenti al seggio, nonché dagli aventi diritto al voto. Lo scatto furtivo da cellulare fa subito il giro dei social. Non abbiamo dettagli della missione alle urne dei due perché, si sa, non si conviene nei seggi fare brindisi e lanciare coriandoli. Già la rapida foto è una forzatura rispetto a quanto prevede la legge rispetto al giusto comportamento da tenersi al momento del voto. Ma, si sa, mai come in questo caso, uno strappo alla regola ci può stare, se non altro perché è ovvia l’intenzione di voto dei due. Non può non ricadere sui rispettivi nomi. E che vinca il migliore!

Lettura consigliata

La Principessa norvegese Martha sposa lo sciamano americano, tutti gli scandali a corte in Europa

Consigliati per te