Spettacolari gigli fioriti in vaso, dentro e fuori casa, tutto l’anno se proteggiamo la pianta da quest’insetto minaccioso

Il mese di aprile è un momento d’intensa fioritura delle piante e d’inebrianti profumi provenienti da fiori e boccioli. La voglia di fare giardinaggio cresce, almeno quanto il desiderio di avere balconi e giardini invidiabili. E, per farlo, bisogna puntare sui fiori giusti. A partire da questo mese glicine, camelia, ciliegi, mandorli e azalee iniziano a sbocciare e a svegliarsi dal riposo vegetativo dei mesi freddi.

Anche i gigli iniziano a mostrare loro incredibili fioriture, che proseguiranno per tutta l’estate. Il giglio, infatti, è un fiore resistente e, davvero spesso, capita di vederlo fiorito tutto l’anno. Ma, se i gigli non fioriscono, la pianta sta mostrando qualche sua sofferenza. E potrebbe proprio trattarsi di un parassita fastidioso che inizia a minacciare i vegetali proprio in questo periodo dell’anno.

Ecco di cosa si tratta e qualche rimedio biologico per curare i gigli e proteggerli da questa visita sgradita.

Un piccolo coleottero rosso davvero dannoso

Qual è il segreto per avere spettacolari gigli fioriti in vaso, dentro e fuori dall’appartamento, su balconi o terrazzi? Proteggere le piante da tutte quelle minacce esterne che danneggerebbero fiori e foglie.

La criocera del giglio è un coleottero rosso insidioso, con il corpo molto simile alla dorifera, una sorta di coccinella altrettanto pericolosa per tante specie. Qualcuno la conoscerà come “criocera del giglio bianco” ed è possibile individuarla per il rosso intenso del protorace e il nero di zampe e testa. Questo parassita vive a spese del povero giglio, su cui depone anche le sue uova. Ma come riconoscerne la presenza sulla pianta del giglio e come allontanarla efficacemente?

Avremo spettacolari gigli fioriti in vaso, dentro e fuori casa, tutto l’anno se proteggiamo la pianta da quest’insetto minaccioso

Quando le numerose cure date alla pianta non bastano a farla fiorire copiosamente, la causa potrebbe essere un’infestazione di criocera. Se i gigli mostrano foglie danneggiate e il lembo e la corolla del fiore tempestato di buchi, potrebbe trattarsi proprio di questa nemica. Una specie di criocera attaccherebbe pure le piante di asparago, più o meno con gli stessi danni.

Poiché ogni femmina riuscirebbe a deporre ben 400 uova è importante agire subito. Una buona soluzione sembrerebbe il piretro naturale. Basterà eseguire il trattamento già davanti ai primi segni d’infestazione e, preferibilmente, nelle ore più fresche del pomeriggio.

Approfondimento

Basta poco per liberarsi della sgradevole muffa bianca che si forma sul terriccio delle piante

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te