Spaghetti alle vongole stellati con questi segreti da chef per renderli cremosi come al ristorante

Non esiste un piatto tra i primi di pesce così tanto apprezzato come l’intramontabile spaghetto alle vongole, delizioso in ogni stagione e in ogni momento. Che sia per una spaghettata estiva o per il cenone di Natale, è veramente difficile non trovare l’occasione giusta per gustarlo. Benché ampiamente diffusi su tutta la superficie dello Stivale, questo piatto trova le sue origini (sai che novità) nella tradizione culinaria napoletana che come sempre regala grandissime gioie ai più golosi. Non a caso avevamo svelato che, tra i tanti, quasi nessuno conosce questo piatto della cucina povera napoletana ma è un’esplosione di gusto e bontà.

Spaghetti alle vongole stellati con questi segreti da chef per renderli cremosi come al ristorante

Tuttavia gli spaghetti alle vongole sono tanto amati quanto temuti in cucina a causa delle piccole difficoltà che potremmo incontrare nel corso della preparazione. Su tutte il rischio di fare un piatto di pasta secco, slegato e senza gusto. Per non sbagliarne mai più un piatto allora ecco come fare degli spaghetti alle vongole stellati con questi segreti da chef per renderli cremosi come al ristorante.

Ingredienti e preparazione

La lista degli ingredienti è davvero basilare:

  • Vongole (250 g a persona);
  • Spaghetti o linguine;
  • Aglio;
  • Prezzemolo;
  • Scorza di limone;
  • Vino bianco;
  • Peperoncino (a piacere).

Mettiamo in ammollo per circa 30 minuti le vongole in abbondante acqua e sale per farle spurgare ed eliminare le impurità. Scoliamole e sciacquiamo nuovamente sotto abbondante acqua corrente per rimuovere ogni residuo di sabbia e sale in eccesso.

In una padella mettiamo a scaldare dell’olio, uno spicchio di aglio, buccia di limone e, a piacimento, del peperoncino fresco. Una volta insaporito l’olio, versiamo le vongole nella padella ben calda e sfumiamo con poco vino bianco. Una volta evaporato l’alcol, copriamo con un coperchio lasciando che le vongole si aprano.

Trucchi da ristorante

Qui la prima accortezza necessaria. Le vongole vanno tolte man mano che si aprono per evitare che diventino stracotte e senza sapore. Mettiamo da parte tutte le vongole sgusciandone almeno tre quarti. Importantissimo è conservare il liquido nella padella rilasciato dalle vongole in cottura. Questo infatti sarà la fonte del sapore del nostro piatto. Lessiamo la pasta in acqua poco salata e, a circa metà della cottura, scoliamola nella padella effettuando la risottatura. Per chi non conoscesse la risottatura, non olio burro e grassi ma questo segreto degli chef rende la pasta sempre cremosissima. Portiamo dunque a temine la cottura in padella aggiungendo al bisogno l’acqua della pasta precedente. Già dopo poco vedremo come l’amido comincia ad addensarsi formando un’irresistibile crema saporitissima. Una volta cotta, aggiungiamo le vongole sgusciate, il prezzemolo e mescoliamo con cura. Non resta che guarnire con le vongole con il guscio e gustarci questa intramontabile delizia.

Approfondimento

Ecco come preparare una pasta che sbalordisce gli ospiti senza sporcare nemmeno una padella

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te