Spaghetti alla puveriello, la gustosa e semplice ricetta napoletana dal dopoguerra ai giorni nostri

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Ecco una ricetta dove il nome dice tutto. Risale alla tradizione napoletana, in un preciso periodo storico, in cui si era tutti poveri per davvero. E ciò in quanto si soffriva la fame. Si faceva difficoltà a reperire persino i generi alimentari di prima necessità.

Durante il secondo dopoguerra, infatti, ci si industriava con ciò di cui si disponeva al momento. Al riguardo, l’arte dell’arrangiarsi napoletana non è certamente seconda a nessuno.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

È in questi contesti che s’improvvisavano delle preparazioni semplici che potessero sfamare l’intera famiglia.

Presentiamo, allora, la ricetta degli spaghetti alla puveriello, la gustosa e semplice ricetta napoletana dal dopoguerra ai giorni nostri.

Una semplice e gustosa preparazione di tradizione napoletana

Queste ricette della tradizione hanno successo anche perché, talvolta, sono poco laboriose. Inoltre in esse si sente il piacere di riscoprire quei sapori semplici e genuini di un tempo.

Certo, non sempre le preparazioni semplici sono anche facili da realizzare. Quando gli ingredienti sono pochi e il procedimento non è laborioso, bisogna essere attenti a due aspetti.

Il primo è la scelta degli ingredienti. Il secondo aspetto è la precisione nell’esecuzione della ricetta, per quanto facile essa appaia.

Uno sguardo agli ingredienti

In questa ricetta i due ingredienti principe saranno gli spaghetti e l’uovo fritto.

Allora immaginiamo che bontà se riuscissimo ad avere una pasta prodotta con metodi artigianali e con le farine da grani antichi.

La bontà sarebbe poi, addirittura, amplificata se riuscissimo a procurarci delle uova fresche di galline che razzolano libere e mangiano sano.

Potremmo piangere dalla gioia se usassimo un olio extra vergine a chilometri zero, in cui si sente il frutto e la terra da cui proviene. Infine, la ciliegina sulla torta, in questo caso salata, sarà data dalla spolverata di formaggio pecorino, quello tipico delle nostre parti.

Gli spaghetti alla puveriello

Ecco, dunque, gli ingredienti per quattro persone:

a) 400 gr di spaghetti;

b) quattro uova;

c) pecorino in scaglie;

d) olio evo, sale e pepe quanto basta.

Procedimento

Facciamo cuocere la pasta in abbondante acqua salata; la scoleremo al dente. Mentre la pasta cuoce, scaldiamo, a parte, dell’olio, in una padella in cui passiamo a preparare le uova a occhio di bue con l’aggiunta di un pizzico di sale.

Ora, nei piatti adagiamo, sopra gli spaghetti, un uovo fritto con il loro condimento, il pepe appena macinato e qualche scaglia di pecorino.

Buon appetito, dunque, con gli spaghetti alla puveriello, la gustosa e semplice ricetta napoletana dal dopoguerra ai giorni nostri.

Se la ricetta degli spaghetti alla puveriello vi è piaciuta, non perdetevi quella relativa alle polpette di zucca e patate! Trovate tutti i dettagli in quest’articolo.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te