Sorprenderà scoprire qual è la pentola migliore per cuocere un risotto perfetto

risotto

Il risotto è uno dei piatti più appetitosi della tradizione italiana, che crea l’acquolina in bocca al primo sguardo. Ciò che contraddistingue realmente un buon risotto, infatti, è la sua cremosità. Ciò avviene grazie alla presenza dell’amido, un elemento che, una volta rilasciato, amalgama i chicchi di riso e li rende corposi.

Esistono, però, diverse varietà di risotto, che differiscono per consistenza, profumo e colore. C’è quello più adatto per preparare delle fresche insalate di riso, e quelli perfetti per cucinare risotti fumanti e caldi.

Anche i più grandi chef del momento, da Carlo Cracco ad Antonino Cannavacciuolo, sono molto rigidi nella preparazione del risotto. Difatti esistono alcune regole precise per poter cucinare questo piatto a regola d’arte, e renderlo davvero perfetto.

Ora, la maggior parte delle persone potrebbe pensare che, queste regole, riguardino i tempi di cottura o ingredienti segreti. In realtà, c’è un particolare su cui pochi riflettono, ma che è fondamentale per ottenere un buon risultato.

Si tratta della scelta della pentola più adatta per cucinare questa splendida pietanza. Una pentola non vale l’altra, e oggi capiremo come muoverci in questo mondo intricato.

Sorprenderà scoprire qual è la pentola più adatta per cuocere e mantecare un risotto

Esistono diverse tipologie di riso, da scegliere con cura in base alla ricetta che dovremo preparare. In autunno, molte persone amano cenare con un buon risotto caldo ai funghi misti, ad esempio.

In questi casi, potremo scegliere tra 3 modelli di pentole che faranno al caso nostro.

Pentole di ghisa o acciaio

La pentola migliore per cuocere il risotto è quella che mantiene una temperatura omogenea e un calore costante. Per questo motivo, dovremo scegliere un tegame costituito da un materiale che sia un buon conduttore di calore. In questo modo, saremo sicuri che il nostro risotto si cuocerà uniformemente e nel migliore dei modi.

Detto ciò, sottolineiamo che, tra le pentole più adatte per questo obiettivo, ci sono quelle di ghisa o di acciaio. In particolare, la ghisa mantiene il calore a lungo, è un materiale molto versatile e conserva in maniera magistrale il calore.

Anche l’acciaio è un ottimo conduttore di calore. Per questo, le pentole di questo materiale saranno perfette per il nostro risotto, che non rischierà di attaccarsi alla padella.

Risotto in pentola di rame

Anche le pentole in rame saranno assolutamente perfette per cucinare un risotto a regola d’arte. Come le pentole in acciaio e ghisa, anche quelle di rame hanno un’ottima conducibilità termica, e mantengono costante la temperatura.

Come se non bastasse, le pentole di questo materiale sono assolutamente bellissime anche esteticamente. Perciò potremo sistemarle anche in casa, in punti ben visibili, come complementi d’arredo di stile vintage. Sorprenderà scoprire qual è la pentola perfetta per preparare un buon risotto, eppure queste saranno le scelte migliori che potremo fare.

Come lavare le pentole di ghisa, in rame smaltato o acciaio

Dopo che avremo cucinato il risotto, si porrà il problema di come pulire le nostre pentole tanto amate. Vediamo, quindi, alcuni segreti utili per questa pulizia.

Per le pentole di rame dovremo mettere su un panno o una spugna un po’ di sale fino, e poi versarvi dell’aceto bianco. Dovremo, poi, sfregare bene il prodotto su tutti i lati della pentola, e poi farli asciugare molto bene.

La pulizia delle pentole in ghisa, invece, prevederà il semplice utilizzo di acqua. Dopo aver sciacquato il tegame con acqua corrente calda, dovremo eliminare eventuali macchie e residui, magari proprio con una spatola morbida per alimenti. Per le macchie più ostinate, potremo riempire la pentola con acqua, e farla bollire sul fornello.

Quando avremo pulito il tutto, dovremo asciugare con cura la padella, e poi effettuarne la lubrificazione. Infatti, dovremo versare un filo d’olio vegetale all’interno e all’esterno della pentola, e spalmarlo sulla sua superficie aiutandoci con carta forno. Quando i residui d’olio saranno spariti, potremo considerare conclusa la pulizia.

Infine, per pulire le pentole d’acciaio, dovremo mischiare una parte d’aceto, una d’acqua e alcune gocce di detersivo per piatti. Dopo aver eliminato le macchie, dovremmo sciacquare con acqua e asciugare molto accuratamente.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te