Sono sorprendenti gli usi alternativi del dentifricio non solo per togliere peli, brufoli e lividi ma anche per questi insospettabili lavori domestici

Prendersi cura della propria igiene orale è molto importante, se vogliamo evitare patologie che potrebbero crearci seri problemi con i denti.

Lavarli quotidianamente ci permette di eliminare i batteri e prevenire infiammazioni e infezioni. Ma dobbiamo farlo con il dentifricio giusto.

In commercio ne esistono tantissimi per tutte le necessità. È difficile pensare che questo prodotto possa essere versatile e aiutarci in modi differenti da quelli per cui è stato creato.

Eppure sono sorprendenti gli usi alternativi del dentifricio, che può tornare utile quando meno ce lo aspettiamo.

Rimedio efficace

Per i peli superflui, la ricetta che va più di moda è quella che prevede l’utilizzo del dentifricio insieme a limone e zucchero. Il limone schiarisce la pelle e ferma la crescita dei peli e, infatti, viene utilizzato in molte preparazioni. Per esempio insieme a miele e avena. Lo zucchero elimina le cellule morte e dà alla pelle un effetto gommoso, rendendola liscia.

Se vogliamo eliminare i peli sopra le labbra, il composto deve essere tenuto tutta la notte.

Come rimedio per brufoli, il dentifricio è uno dei più diffusi. Questo perché è un prodotto che già troviamo in casa e costa poco.

Chi lo utilizza, cerca di sfruttare la capacità della pasta di sfiammare la parte di pelle colpita dall’acne.

È necessario dire che molti dermatologi sconsigliano questo rimedio perché potrebbe creare irritazioni cutanee, arrivando a provocare anche degli eritemi.

Il dentifricio, invece, potrebbe essere un buon rimedio nel caso in cui ci siamo procurati un livido in seguito a una contusione.

Spalmandone una minima quantità, insieme alla crema idratante, sulla parte contusa e massaggiando per alcuni minuti, la circolazione dovrebbe migliorare e l’infiammazione diminuire. Ripetendo l’operazione per un paio di sere, il livido dovrebbe scomparire.

Sono sorprendenti gli usi alternativi del dentifricio non solo per togliere peli, brufoli e lividi ma anche per questi insospettabili lavori domestici

Se ci troviamo di fronte a un graffio su una superficie metallica e lo vogliamo eliminare, il dentifricio può avere la stessa efficacia della pasta abrasiva delle officine. Questo perché contiene elementi abrasivi. Con il supporto di un panno umido o in microfibra, potremmo ottenere un buon risultato. Così potrebbe non essere, invece, con le lenti degli occhiali oppure con gli schermi di TV e pc.

Il dentifricio può sostituire la pasta termica. Si tratta di una pasta a elevata conducibilità, che si applica per unire componenti e dissipatori in elettronica e con i pc. Quando la sostituiamo con il dentifricio, dobbiamo aggiungere la vaselina. Il dentifricio con le alte temperature tende a scomparire, mentre la vaselina seccandolo ne aumenta durata e resistenza. Il prodotto può essere facilmente applicato attraverso una comune siringa.

Il dentifricio può essere un ottimo sostituto dello stucco, se abbiamo fatto un danno infilando chiodi o supporti in un muro oppure prima della tinteggiatura.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te