Sognato dai giovani italiani e viaggio da fare almeno una volta nella vita, questo itinerario regala villaggi medioevali e luoghi difficili da dimenticare

L’anno della maturità è uno di quelli che si scordano difficilmente. Il primo pensiero dopo l’impegno sostenuto è il viaggio con cui premiarci dello sforzo fatto. Eppure, questo itinerario è tra i più ricercati anche da chi è meno giovane e vuole sfruttare il bel tempo per vedere posti indimenticabili. Soprattutto con l’emergenza sanitaria quasi alle spalle, ricercare avventura e relax è una necessità che coinvolge molte persone.

Sognato dai giovani italiani ma anche esperienza da fare almeno una volta nella vita, ecco un itinerario esclusivo che può renderci molto felici soprattutto in primavera e in estate. Arriviamo in auto in Provenza. Dall’Italia possiamo apprezzare durante il percorso, le fioriture che caratterizzano i paesaggi. Si passa dalla Liguria e dalle Alpi Marittime e la Costa Azzurra propone scorci di natura tra i più spettacolari del mondo.

Colori e sapori di stagione

In Provenza si comincia con un giro in barca nel Parco Nazionale delle Calanques, ricco di baie e sentieri. Se arriviamo a Les Baux possiamo visitare il villaggio medioevale e il castello che risale al decimo secolo. Il Parco Naturale Les Alpines è frequentato dagli arrampicatori di roccia che sfruttano le pareti del luogo per tenersi allenati. Anche le passeggiate a cavallo sono avventurose da queste parti.

Ad Avignone possiamo visitare il Palais des Papes, il più grande palazzo gotico che è patrimonio UNESCO. La città è ricca di piazze e il Rodano è attraversato da ponti medioevali.

Se siamo appassionati di vini, non mancano le occasioni per partecipare alle degustazioni. I prodotti locali sono tra i più pregiati al Mondo. Le alternative sono tante. Possiamo inoltrarci nell’area di Luberon, in cui ci sono numerosi villaggi e vigneti, oppure possiamo arrivare fino a Gordes, dove troviamo bellissime distese di lavanda.

Sognato dai giovani italiani e viaggio da fare almeno una volta nella vita, questo itinerario regala villaggi medioevali e luoghi difficili da dimenticare

La seconda parte del viaggio comincia con un’esperienza ricca di adrenalina. All’alba si parte in mongolfiera per vedere dall’alto le Alpi dell’Alta Provenza. Un picnic serale per riprenderci e qualche ora di sonno prima di guidare verso l’Altopiano di Valensole. Qui possiamo farci rapire dai campi di lavanda e dai mandorli in fiore. Sono posti che tolgono il respiro soprattutto per gli amanti della fotografia.

La bella stagione è alle porte e non può mancare una visita ai laghi. Lac de Saint Croix du Verdon è frequentato dagli amanti della vela e del kayak. In kayak si può attraversare il canyon più profondo della Francia, Gorges du Verdon, che ha panorami mozzafiato e acque smeraldine.

Dedichiamo l’ultimo giorno alle visite guidate tenute dagli esperti di arte che ci spiegheranno le bellezze ad Aix en Provences. Il ricco patrimonio culturale che possiamo ammirare è la degna conclusione di un itinerario davvero unico.

Lettura consigliata

Sarebbe uno dei parchi più romantici della Svizzera a 1 ora dall’Italia per weekend con bambini tra montagna, Spa e cucina tipica

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te