Significato di residenza o domicilio e abitazione e quali spostamenti in area gialla o arancione e rossa

Ad oggi, le misure restrittive per il contenimento del contagio da Covid 19 sono quelle disposte dal D.L. 14 gennaio 2021 n. 2 e il DPCM del 14 gennaio.

Con le Ordinanze del Ministero della Salute del 5 marzo 2021 e del 27 febbraio 2021, sono note quali Regioni appartengono all’area bianca, gialla, arancione e rossa. La Sardegna rientra nella prima area. In quella gialla abbiamo Calabria, Lazio, Liguria, Puglia, Sicilia e Valle D’Aosta.

In arancione abbiamo Abruzzo, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lombardia, Marche, Piemonte, Toscana. Ma anche l’Umbria, il Veneto e le Province Autonome di Bolzano e quella di Trento. In area rossa, infine, Basilicata, Campania e Molise.

Vediamo allora nel dettaglio qual è il significato di residenza o domicilio e abitazione e quali spostamenti in area gialla o arancione e rossa.

Cos’è la residenza, il domicilio e l’abitazione legati agli spostamenti in area gialla o arancione e rossa

La residenza è quella desumibile dai registri anagrafici. È dunque facilmente riscontrabile ed è il luogo in cui la persona ha la sua dimora abituale.

Il domicilio, che può essere diverso dal luogo residenza, è invece la sede principale in cui la persona ha stabilito i suoi affari e interessi.

Nell’ambito delle misure anti-Covid entra in gioco anche il concetto di “abitazione”. Questo è il luogo dove si abita:

a) per periodi continuativi anche se limitati nel tempo. C’è in questo caso una connotazione di continuità e stabilità;

b) per alcuni periodi dell’anno, date alcune esigenze (di studio, di lavoro). In tal caso rileva una connotazione di periodicità e frequenza.

Illustriamo il significato di residenza o domicilio e abitazione e quali spostamenti in area gialla o arancione e rossa

Fatte queste premesse, consideriamo gli spostamenti possibili nelle regioni che sono state inserite in queste aree.

Non è possibile uscire di casa per chi è in quarantena e in isolamento, perché positivo al virus. È possibile uscire utilizzando un mezzo privato, solo se in quarantena precauzionale e solo per effettuare accertamenti diagnostici prescritti dal medico.

Fino al 27 marzo sono vietati gli spostamenti per fa visita ai genitori anziani ma in buona salute che vivono in altre Regioni o Province autonome. Sono vietati anche gli spostamenti per ragioni di turismo presso altre Regioni o Province autonome, sempre fino al 27 marzo.

Se si è in zona gialla, ci si può spostare entro la Regione o Provincia autonoma di appartenenza dalle 5 alle 22, senza necessità di giustifica. Invece dalle 22 alle 5, oppure in caso di spostamenti verso altre Regioni o Province autonome, sono possibili solo alcuni spostamenti. Ossia: in caso di comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute e con obbligo di dimostrare la motivazione dello spostamento (autodichiarazione).

Qualora si risiedesse in zona arancione, gli spostamenti si restringono al proprio Comune di appartenenza. Se quest’ultimo ha fino a 5.000 abitanti ci si può spostare fino a 30 km anche in un’altra Regione o Provincia autonoma, sempre tra le 5 e le 22.

Tra le 5 e le 22 è possibile andare a casa di amici e parenti, sempre nell’ambito della stessa Regione o Provincia autonoma se si è in zona gialla. Il riferimento è all’area comunale se si è in area arancione. Lo spostamento presso altra abitazione privata è possibile una volta al giorno. Solo in due persone e con al seguito eventuali figli minori di 14 anni o persone conviventi non autonome e non autosufficienti.

Se si è in zona rossa, gli spostamenti possibili sono solo per lavoro, necessità e salute, anche in caso di spostamento verso altra abitazione privata. Gli spostamenti dovranno sempre essere giustificati tramite autodichiarazione. Nel caso di comprovate ragioni di lavoro, si potrà esibire la documentazione fornita dal datore di lavoro.

Presentiamo i dettagli

È sempre possibile il rientro presso la residenza, il domicilio o l’abitazione. È il caso dei due coniugi che hanno residenza o abitazione in una Provincia o in una Regione e lavorano in altre.

Nel novero dell’abitazione, rientrano anche le cosiddette seconde case site in altre Regioni, presso le quali è possibile sempre il rientro. L’importante è che si tratti di immobili abitati solo da componenti del nucleo familiare e già fruibili prima dell’adozione del D.L. 14 gennaio 2021, n. 2. In tal caso sono escluse le abitazioni oggetto di brevi locazioni fino a 30 giorni.

Abbiamo dunque illustrato il significato di residenza o domicilio e abitazione e quali spostamenti in area gialla o arancione e rossa.

Consigliati per te