Si può mettere il divieto di fumo in condominio?

Il 2003 segna l’introduzione del divieto di fumo nei luoghi pubblici. Il condominio non è tecnicamente un luogo pubblico. Allora non si può mettere il divieto di fumo in condominio? La legge non è stata chiara in merito agli spazi condominiali. Eppure non sono spazi esclusivamente privati. Ma sono un misto tra spazi privati e spazi frequentati da una collettività.

I non fumatori vogliono giustamente evitare inalazioni di fumo. Anche involontarie. Per esempio, può essere fastidioso entrare nell’atrio condominiale e sentire odore di fumo. Perché è appena passato un condomino con la sigaretta accesa.

Vediamo se tra le pieghe delle leggi si possono trovare principi utili. Intanto, l’uso degli spazi condominiali è disciplinato dal codice civile. Il principio generale impone di non recare danno o nocumento agli altri condomini mentre si usa uno spazio comune. E se c’è una legge che dichiara il fumo nocivo si può sostenere che l’atrio non può essere riempito di fumo.

Si può mettere il divieto di fumo in condominio?

Inoltre il codice civile vieta le cosiddette immissioni che superino la normale tollerabilità. Si può allora chiedere all’amministratore di avvisare le autorità competenti che potranno fare una multa al trasgressore.

La difficoltà sta solo nella prova che chi si lamenta deve fornire. Infatti quando le immissioni intollerabili consistono in rumori è più facile dimostrarne l’intollerabilità. I rumori possono essere misurati con apparecchi appositi. E valutati secondo criteri scientifici. Non sarà facile, invece, dimostrare che la quantità di fumo lasciata nell’atrio dal condomino è eccessiva e intollerabile.

Probabilmente è più facile ottenere che l’assemblea vieti di fumare negli spazi condominiali. Per poter avanzare una simile richiesta occorre però che il condomino sia affetto da una patologia particolare. Per esempio, un soggetto asmatico potrebbe, a giusta ragione, chiedere che il divieto di fumo riguardi tutta l’area condominiale.

 

Consigliati per te