Si può incassare un assegno in contanti senza avere un conto corrente?

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Chi non è titolare di conto corrente e riceve un assegno può comunque incassare i contanti che gli spettano. Non tutti difatti hanno un conto corrente, ma non per questo viene meno la possibilità di riscuotere l’importo che compare sullo strumento di pagamento. Sull’assegno infatti compare oltre alla data e il luogo anche il nome e il cognome dell’intestatario con l’indicazione della somma di denaro da pagare.

Chi riceve, al posto dei contanti, un assegno come compenso per una prestazione d’opera o a seguito di una donazione può cambiare il titolo di credito. Ciò equivale a dire che può recarsi presso l’istituto bancario presso cui chi ha emesso l’assegno possiede un conto corrente. Il beneficiario della somma di denaro si chiede tuttavia se si può incassare un assegno in contanti senza avere un conto corrente. E per chi invece nutre diffidenza nei confronti di questo strumento di pagamento si rimanda all’articolo “Come capire se un assegno è scoperto”.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Si può incassare un assegno in contanti senza avere un conto corrente?

Non ha nulla da temere chi non risulta titolare di un conto corrente presso un istituto bancario o postale. Ciò perché qualunque beneficiario di assegno ha diritto alla riscossione della cifra indicata sul titolo di credito. Basterà pertanto recarsi di persona presso una delle filiali della banca da cui è avvenuta l’emissione dello strumento di pagamento.

Ovviamente si raccomanda di munirsi di un documento di riconoscimento in corso di validità. Il funzionario bancario dovrà difatti procedere dapprima alla verifica dell’identità del richiedente il pagamento. Tali accertamenti si rendono necessari in presenza di soggetti che non rientrano nel novero dei clienti dell’istituto bancario.

Quando l’impiegato allo sportello avrà verificato l’identità dell’intestatario dell’assegno liquiderà la somma spettante. L’operazione di riscossione potrebbe tuttavia richiedere più tempo del consueto in presenza di somme particolarmente rilevanti. Potrebbe accadere difatti che l’istituto bancario non abbia immediata disponibilità della somma di denaro da liquidare. In tali circostanze l’intestatario del titolo di credito dovrà prenotare anticipatamente la quota da riscuotere e procedere al ritiro nel giorno prestabilito.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te