Shopify, un focus sul titolo azionario a Wall Street

Nell’analisi che segue parleremo di una delle aziende leader del mercato e-commerce, la canadese Shopify Inc. La peculiarità dell’azienda è quella di mettere in contatto gli utenti direttamente con i venditori. Tale modalità è detta “Direct-decentralized retail market”, un modello decentralizzato di e-commerce che permette di vendere al dettaglio e in modo diretto, con prezzi molto vantaggiosi.

Lo sviluppo dell’e-commerce

Il commercio elettronico ha rappresentato una profonda trasformazione nelle modalità di acquisto classiche e non solo. Un cambiamento che ha dato la possibilità di estendere il proprio business online, oltre alla localizzazione fisica del negozio. Se diamo uno sguardo alle statistiche, noteremo come a livello globale siano davvero molto positive, con una percentuale di fruitori che ormai supera mediamente il 70%, tranne casi di nazioni rimaste indietro come l’Italia con il suo modesto 45%.

Jeff Bezos e l’intuizione di Amazon

Molto probabilmente l’e-commerce è stato sdoganato definitivamente con la nascita e l’evoluzione di Amazon. E per molti si è trattato di una scommessa da non fare, come ad esempio Warren Buffett, che ha ammesso il suo errore non investendo nel gigante di Seattle.

Il background aziendale di Shopify Inc

Shopify Inc. (SHOP) è nata nel 2004 ed ha sede a Ottawa in Ontario. La sua storia è fatta di molti traguardi interessanti raggiunti, anche in tempi brevi.  Il suo modello decentralizzato di commercio elettronico ha permesso agli utenti di acquistare direttamente dalle aziende presenti sulla piattaforma, dando la possibilità anche a piccole aziende di vendere online. Nel 2013, inoltre, ha lanciato un suo proprietario metodi di pagamento, Shopify Payments, bypassando così fornitori di terze parti.

Nel 2014 il numero di aziende affiliate era superiore alle 120.000 unità e i suoi guadagni si raddoppiarono rispetto all’anno precedente. A fine 2018 le aziende sono salite ad 800.000 ed il volume lordo delle merci era superiore ai 40 miliardi di dollari. Una crescita davvero degna di nota.

Il titolo azionario e il suo andamento a Wall Street

Se in 4 anni il numero di affiliati ha avuto un incremento di quasi il 600%, le sue azioni non sono state da meno. Il titolo ha avuto un incremento percentuale dal suo esordio di più del 1100%, passando da 25 dollari agli attuali 336$. Un trend mostruoso, che in proporzione si è riprodotto anche sul time frame annuale, dove l’incremento da fine 2018 al suo massimo annuale è arrivato quasi al 250%.

Grafici del titolo Shopify

Outlook su Shopify

La maggior parte degli analisti concordano sul fatto che questo titolo sia un ottimo investimento, profittevole anche in ottica long term, come del resto abbiamo già parlato in questo articolo. Ma non possiamo non tenere in considerazione un dato importante per la sua valutazione globale. Sono emerse, infatti, stime riguardanti gli utili delle società aderenti. E se da una parte giganti come Unilever vengono portati in alto come simbolo di forza e crescita, non si può dire altrettanto di una miriade di piccole e medie imprese. Il calcolo è stato fatto ponderando la media degli incassi per azienda rispetto al totale. Quello che è emerso è abbastanza in contrasto con i numeri di Shopify, poiché si parla di cifre davvero irrisorie al netto dei guadagni. E se nel lungo termine potrebbe accadere che queste aziende abbandonino, allora potrebbero esserci grosse perdite per la società canadese.

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.