Servire il vino bianco piemontese, veneto e campano come aperitivo

Quella dell’aperitivo è, oramai, un’abitudine a cui non è sempre facile rinunciare. Perché si tratta di un momento di relax e conviviale, che permettere di godere di una pausa dalla frenesia della giornata. Amiamo, quindi, staccare la spina dal lavoro e sederci al tavolo di un bar per gustare l’aperitivo. Ma ci piace anche prepararlo a casa e stupire i nostri ospiti.

Preparare un aperitivo non vuol dire soltanto pensare ai vari cocktail da servire, questi più o meno famosi. Perché anche un buon vino può essere l’ideale per un momento di gusto prima di pranzo o prima di cena. Il rosso come il bianco.

Servire il vino bianco piemontese, veneto e campano come aperitivo

Per quanto riguarda i vini bianchi, i migliori e più indicati per un aperitivo sono i fruttati freschi e aromatici. Al Nord, uno dei più apprezzati è il Moscato giallo piemontese. Il suo colore è dorato e paglierino, il suo profilo olfattivo è intenso e aromatico. Al palato è un misto di secco e dolce.

Ottimo per l’aperitivo anche il bianco veneto poco alcolico e poco profumato come il Soave o il Bardolino. Molto quotati anche i bianchi del Sud con aroma floreale, come la Falanghina della Campania e il Greco di Tufo.

Rosso e rosato

Anche chi ama vini rossi e rosati può scegliere di sorseggiarli durante un’aperitivo. Tra i rossi i più ideali sono quelli leggeri e freschi come il Barbera, il Sangiovese e il Grignolino. Per quanto riguarda il vino rosato uno dei migliori è, invece, il Negroamaro, fresco e strutturato. Questo vino è perfetto quando viene accompagnato da un sontuoso tagliere ricco di formaggi e di salumi.

In proposito, scopriamo con quali cibi accompagnare i vini bianchi serviti sulla nostra tavola per l’aperitivo.

Cosa mangiare

Per il nostro aperitivo possiamo abbinare il Moscato giallo a tocchetti di formaggio a pasta dura. Oppure al dolce, a biscottini di pasticceria secca o a tartine con spicchi di frutta. Per i bianchi veneti possiamo scegliere alcuni taglieri con formaggi misti, affettati e originali crostini in agrodolce.

Per quanto riguarda invece i bianchi della Campania va sempre bene l’abbinamento con formaggi ma anche con il pesce. Si può pensare, ad esempio, di organizzare un rinomato aperitivo a base di ostriche e crostacei.

Dunque ecco come servire il vino bianco piemontese, veneto e campano nel contesto di un piacevole momento prima del pranzo o della cena.

Lettura consigliata

Non il solito aperitivo con patatine e olive ma gustiamone uno fatto con il Prosecco e frutta di stagione da preparare a casa in 5 minuti risparmiando anche soldi

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te