Separazioni e divorzi “lampo” in Comune: come funzionano e quanto costano

Come funzionano e quanto costano le separazioni e i divorzi lampo in Comune.

Non tutti ancora sanno che dal 2015, è possibile richiedere la separazione o il divorzio direttamente in Comune davanti all’Ufficiale dello stato civile senza ricorrere in Tribunale.

Prestito in convenzione
Prestito in convenzione

La coppia in crisi potrà separarsi facilmente, velocemente ed economicamente.

Tuttavia, occorre precisare che il procedimento è snello e veloce ed è delegato direttamente alla coppia senza l’intervento tecnico dell’avvocato perchè la legge consente “la separazione lampo” fai da te, solo a determinate condizioni. Vediamo quali sono le condizioni.

Le separazioni “lampo” in Comune: come funzionano e quanto costano

Chi può sposarsi in Comune

Non tutte le coppie possono separarsi in Comune. I coniugi che possono separarsi in Comune:

non devono avere figli minori, portatori di handicap gravi o incapaci o economicamente non autosufficienti

-devono aver raggiunto un accordo su tutti gli aspetti della separazione

l’accordo non deve disciplinare trasferimenti patrimoniali tra i coniugi come ad esempio l’assegnazione della casa coniugale, gli arredi e altri mobili, conti correnti, libretti di risparmio ed altro

-l’accordo può contenere patti aventi ad oggetto l’assegno di mantenimento.

A quale Comune la coppia deve rivolgersi per separarsi

I coniugi possono separarsi presso il Comune ove hanno contratto il matrimonio, presso il Comune di residenza di uno dei due coniugi o di entrambi presentandosi all’Ufficio di stato civile.

Quali documenti occorrono e quanto costa separarsi in Comune?

Per la separazione i documenti richiesti sono:

-la carta di identità dei coniugi e l’autocertificazione di residenza, luogo e data di matrimonio e assenza di figli.

Il costo fisso della separazione in Comune è di 16 euro.

Il procedimento di separazioni e divorzi “lampo” in Comune

Conviene, sempre, contattare direttamente l’ufficio dello stato civile del Comune e chiedere informazioni per modalità e documenti e fissare un appuntamento.

La procedura consta di due incontri davanti al Sindaco.

Al primo incontro, il Sindaco redige l’accordo di separazione che i coniugi hanno raggiunto e gli fissa un ulteriore incontro che non può essere prima di 30 giorni.

Al secondo incontro, i coniugi devono confermare o meno l’accordo dopo aver preso la pausa di riflessione di almeno 30 giorni.

La coppia, infatti, ha diritto di ripensamento.

Al termine del secondo incontro, se i coniugi confermano l’accordo e pertanto, l’intenzione di separarsi, l’ufficiale dello stato civile invia l’atto agli uffici competenti per le annotazioni sull’atto di matrimonio.

Qualora al secondo appuntamento i coniugi non dovessero presentarsi l’accordo non è valido e decade.

Approfondimento

I vantaggi dell’assegno di mantenimento

Consigliati per te