Senza SPID si può ricevere ugualmente il rimborso di 150 euro a Natale? Vediamo come

L’operazione denominata dal Governo “cashback di Natale” è pronta per partire, mancano pochi giorni all’8 dicembre 2020, data prescelta per iniziare a fare gli acquisti di Natale e guadagnare.

In un primo momento si era parlato del primo dicembre, poi, inevitabilmente, si è dovuto posticipare di una settimana l’inizio del servizio.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

L’obiettivo perseguito da questa nuova misura anti-evasione è limitare la circolazione dei contanti. Incentivando gli italiani a effettuare sempre più acquisti nei negozi di vicinato, utilizzando mezzi elettronici di pagamento.

Come anticipato in questo articolo dai consulenti di ProiezionidiBorsa, si tratta di un meccanismo che permette di ottenere un rimborso del 10% su un minimo di dieci acquisti, direttamente sul proprio conto corrente.

Il massimo importo rimborsabile con il cashback di Natale è pari a 150 euro per il mese di dicembre 2020. Si tratta, infatti, di una prima fase sperimentale in vista di un progetto di cashback molto più ampio che dovrebbe entrare a regime dal primo gennaio 2021 al 30 giugno 2022.

Senza SPID si può ricevere ugualmente il rimborso di 150 euro a Natale? Vediamo come

Per poter partecipare all’iniziativa, oltre che essere maggiorenni e residenti in Italia, è necessario scaricare sul proprio smartphone l’app IO e registrarsi tramite le credenziali SPID, ossia la propria identità digitale.

Ma chi non possiede le credenziali SPID può ricevere ugualmente il rimborso di 150 euro a Natale? Questa è solo una delle tante domande che i Lettori si pongono circa il funzionamento di questo nuovo sistema di sconto.

Quest’oggi i consulenti di ProiezionidiBorsa, spiegheranno se si può ricevere ugualmente il rimborso di 150 euro a Natale anche senza SPID.

La risposta alla domanda, se si può ricevere anche senza SPID il rimborso di 150 euro a Natale, è affermativa. In alternativa alle credenziali SPID è possibile, infatti, ottenere il rimborso di 150 euro a Natale anche tramite la CIE. Ossia la carta di identità elettronica.

Il cittadino può, infatti, registrarsi sulla piattaforma IO anche tramite la carta di identità elettronica da richiedere al proprio Comune di residenza. Tuttavia, per poter usufruire del rimborso statale per gli acquisti effettuati tramite sistema cashback e con la registrazione tramite CIE, il cittadino dovrà dotarsi di un lettore di smart card, collegato al proprio pc.

Inoltre, non tutti i dispositivi mobili sono compatibili per la registrazione con la CIE. Lo sono, ad esempio, i dispositivi Android, con tecnologia NFC. E anche gli iPhone, dal modello 7 in sù.

Pertanto, si consiglia di informarsi quanto prima. Per non perdere la possibilità di ricevere il rimborso di Natale di 150 euro.

Consigliati per te