Senza carta e penna si rischiano problemi per lo sviluppo dei bambini

Le nuove tecnologie e l’informatica in generale ci sembrano l’unico futuro possibile, un futuro pieno di possibilità e miglioramenti. L’uomo può solo crescere e continuare ad andare oltre, e i computer saranno dei validi aiutanti in questo percorso. Ma è davvero così? I computer sono sempre e incondizionatamente utili o qualche volta possono essere dannosi? Ovviamente la risposta giusta è la seconda, e oggi capiremo perché senza carta e penna si rischiano problemi per lo sviluppo dei bambini.

Gli studi

Su questo argomento negli anni sono stati portati avanti molti studi sia psicologici sia nell’ambito delle neuroscienze. La maggior parte di questi evidenzia le forti differenze che si possono riscontrare fra bambini che scrivono a tastiera e quelli che lo fanno manualmente. I secondi nell’atto della scrittura attivano più aree del cervello, e di conseguenza scrivono più velocemente e hanno più idee. Al contrario la scrittura al computer attiva meno aree cerebrali e in maniera molto più debole rispetto a chi usa manualmente carta e penna. Scopriamo quindi il perché di questi risultati e quali conclusioni si possono trarre.

L’utilità di carta e penna

Senza carta e penna si rischiano problemi per lo sviluppo dei bambini. La scrittura è infatti una prima forma di ragionamento, che ci aiuta a capire, riordinare e creare. Tracciare segni è un’azione istintiva che fin dall’antichità gli uomini compiono per potersi esprimere appieno. Il nostro “io” quando scriviamo, ma anche quando disegniamo o prendiamo appunti, è libero di manifestarsi senza costrizioni né limiti.  Tutti questi tipi di attività richiedono coordinazione oculo-manuale, capacità di orientamento del foglio e in generale la pianificazione e l’esecuzione di varie azioni. La scrittura manuale è utile anche quando non è precisa, questo perché la sua decifrazione implica un ragionamento e un confronto di elementi che aiuta a imparare.

Tutti questi elementi permettono, come evidenziato dagli studi, di attivare più aree del cervello per svolgere le varie funzioni di cui abbiamo bisogno. Questo procedimento contribuisce in maniera significativa allo sviluppo di un bambino. Per esempio prendere appunti manualmente durante una lezione permette un’assimilazione e una comprensione dei contenuti molto più profonda e duratura rispetto a quando si usa il computer. Per questo l’uso del solo computer (a esclusione dei DSA, che non vanno inclusi in questo discorso) rischia di limitare le potenzialità creative dell’individuo. I computer quindi non si dovrebbero usare sempre e comunque, ma solo quando permettono di migliorare o di raggiungere nuovi risultati.

Consigliati per te