Sembrano accertamenti dell’Agenzia delle Entrate ma queste mail nascondono una truffa per svuotare i conti dei contribuenti  

Negli ultimi tempi fioriscono i tentativi di truffe telematiche ai danni dei comuni cittadini. I truffatori spesso cercano di trarre in inganno le loro vittime camuffando le truffe da comunicazioni ufficiali di istituzioni autorevoli. Ecco perché le truffe telematiche spesso sfruttano il nome di banche, dell’INPS o, come in questo caso, dell’Agenzia delle Entrate.

È l’Agenzia stessa ad aver messo in guardia i contribuenti negli ultimi giorni. L’allarme è motivato da un nuovo tentativo di raggiro via mail, che sta colpendo sempre più persone. Dunque, sembrano accertamenti dell’Agenzia delle Entrate, ma queste mail nascondono una truffa per svuotare i conti dei contribuenti, che spesso vengono ingannati dall’accuratezza dei truffatori.

Questa nuova truffa si aggiunge alla lunga lista di tentativi di phishing denunciati negli ultimi mesi. Vediamo come riconoscere queste finte comunicazioni dell’Agenzia delle Entrate e non cadere nel tranello.

Sembrano accertamenti dell’Agenzia delle Entrate ma queste mail nascondono una truffa per svuotare i conti dei contribuenti

Negli ultimi giorni, molti contribuenti hanno inviato segnalazioni all’Agenzia delle Entrate per aver ricevuto mail che nascondevano una truffa. A farne menzione è Fisco Oggi, la rivista digitale ufficiale dell’Agenzia.

Queste mail sfruttano impropriamente i loghi dell’Agenzia delle Entrate per estorcere denaro ai contribuenti. I truffatori si spacciano solitamente per trader che agiscono per conto del Fisco. Solitamente, quindi, chiedono alla vittima di adempiere a pagamenti di imposte che in realtà non esistono.

Le mail-truffa contengono allegati fatti ad arte, che sembrano in tutto e per tutto documenti ufficiali dell’Agenzia delle Entrate. Per questo sempre più persone cadono nella truffa, senza nemmeno fiutare il tentativo di estorsione. Tutti i cittadini che ricevono mail dell’Agenzia richiedenti il versamento di nuove imposte mai pagate devono avvisare l’Agenzia stessa.

L’Agenzia delle Entrate mette a disposizione un numero verde

Abbiamo detto che i truffatori spesso si spacciano per trader o funzionari di banca che agiscono per conto dell’Agenzia. Questi sedicenti funzionari sollecitano gli ignari cittadini al pagamento di imposte non versate.

Com’è chiaro, però, queste imposte non esistono. Solitamente si tratta di finte imposte che riguardano operazioni di trading online. Fisco Oggi menziona imposte sostitutive per operazioni di trading e “tasse di ingresso”.

Questa nuova truffa è molto ben architettata. Per questo, chiunque riceva mail dall’Agenzia di questo tenore può chiamare il numero verde 800909696. Così facendo, ogni contribuente può verificare l’ufficialità o meno della comunicazione.

Lettura consigliata

Non sono propriamente spese mediche ma l’Agenzia delle Entrate consente di portarle in detrazione dalle tasse.

Consigliati per te