Sembra impossibile ma se non si risolve subito questo problema legato al cerume nelle orecchie si rischia di perdere la memoria

Il cerume è un materiale viscoso, che ha il compito di lubrificare e proteggere l’orecchio dagli agenti esterni.
Al contrario di quanto si pensi, infatti, il suo ruolo è anche quello di pulire l’orecchio, spostando verso l’esterno le particelle organiche da eliminare.

Spesso, quando tentiamo di togliere il cerume per liberarci dalla sensazione di fastidio che può provocarne l’accumulo eccessivo, possiamo far dei danni.
Infatti, sembra impossibile, ma se non si risolve subito questo problema legato al cerume nelle orecchie, si rischia di perdere la memoria.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0, lo smartwatch di ultima generazione ad un prezzo incredibile.

SCOPRI DI PIU’

Smartwatch

Qual è il legame tra il cerume e la memoria

Come abbiamo già accennato prima, nel tentativo di eliminare l’accumulo di cerume rischiamo di produrre l’effetto contrario. Infatti, uno dei modi più utilizzati per pulire le orecchie è quello di servirsi del cotton fioc.

Per quanto possa essere un’espediente pratico e veloce, a lungo andare può causare la formazione dei classici tappi di cerume nelle orecchie. E questi, se non prontamente curati, possono provocare la perdita temporanea dell’udito.

È qui che entra in gioco la memoria. Infatti, una delle tante conseguenze dovute alla perdita dell’udito è il lento e progressivo declino cognitivo.

In pratica, come accade per gli anziani, quando si ha difficoltà nel sentire i suoni esterni il cervello tende ad impigrirsi.
Affaticamento, difficoltà a concentrarsi e perdita progressiva della memoria sono i primi sintomi di questo meccanismo. Quindi sembra impossibile, ma se non si risolve subito questo problema legato al cerume nelle orecchie, si rischia di perdere la memoria.

Un consiglio utile, ma non è quello definitivo

Il metodo fai da te più semplice e conosciuto è forse quello di sciogliere il tappo di cerume con dell’olio di oliva tiepido. Riempiendo l’orecchio, goccia dopo goccia, l’olio dovrebbe ammorbidire il tappo.

Se comunque il problema dovesse essere serio ed invalidante, il consulto con il medico è sempre la prima strada da percorrere.
Una visita otorinolaringoiatrica può sicuramente essere molto più efficace di qualsiasi altro rimedio naturale.
Abbiamo visto che è importante non sottovalutare la formazione di questi tappi, perché le conseguenze possono essere davvero difficili da gestire.

Infine, consigliamo la lettura di quest’altro articolo, in cui abbiamo parlato di un altro tipo di memoria, quella del cellulare. A quanto pare è un problema diffuso quello di non averne mai abbastanza.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te