Segniamoci queste mise en place pasquali tra nuove tendenze e tradizione classica 

Fortunatamente a Pasqua e Pasquetta avremo almeno la possibilità di ospitare qualche parente e qualche amico. Dato il prolungamento di questo momento triste, cerchiamo almeno riportare un po’ di vivacità e fantasia alla nostra tavola. Segniamoci queste mise en place pasquali tra nuove tendenze e tradizione classica, prendendo spunto dai suggerimenti dei nostri Esperti. Faremo una cosa davvero semplice: divideremo le apparecchiature in base all’occasione. Sceglieremo, quindi, colori e materiali in base al tipo di pranzo.

Una Pasquetta allegra e colorata

Segniamoci queste mise en place pasquali tra nuove tendenze e tradizione classica, partendo da una ventata di colori e ottimismo. Anche se saremo pochi rispetto agli altri anni, il pranzo della Pasquetta è quello tradizionalmente legato all’amicizia e alla giovialità.

Ecco, allora che consigliamo delle tovagliette all’americana, con la scelta di materiali moderni, come potrebbero essere paglia e bambù. Possiamo anche decidere di utilizzare soprattutto materiale usa e getta, ma optando per tessuti e colori dai gusti sgargianti. Visto che abbiamo i bambini a casa, potremmo coinvolgerli nella creazione di centrotavola originali e giovanili. Non solo artistici, ma anche succulenti, proponendo delle fontane o cascate di grissini con affettati e sott’olio colorati.

Un pranzo pasquale all’insegna dell’eleganza

Siamo appositamente partiti al contrario, mettendo la Pasquetta prima della Pasqua. Volutamente, per dare uno sprint di vivacità e ottimismo. Ma, se vogliamo creare invece il classico pranzo pasquale all’insegna dell’eleganza, sarà opportuno seguire molti dettagli. Tra cui:

  • una cura particolare del menu;
  • casa profumata, ordinata e pulita;
  • tavola, con tovaglia e tovaglioli perfettamente stirati e puliti;
  • bicchieri e posate brillanti;
  • tovaglioli rigorosamente in stoffa e con colore differente da quello della tovaglia.

Ricordiamoci anche la sistemazione delle posate. Il pranzo di Pasqua è quello a cui i suoceri e parenti tengono di più e quello che ci espone anche alle critiche più numerose. Cerchiamo, quindi, di non prestare il fianco agli attacchi incrociati.

Un pranzo o una cena all’aria aperta

Se, infine, avremo l’occasione di mangiare all’aria aperta, in giardino o sul terrazzo, ricordiamoci di adeguare la tavola. Quindi, prepariamo il tutto all’insegna della semplicità, del relax e dei colori. Magari, con un centrotavola con i fiori, oppure con delle gustose verdure o degli stuzzichini freschi e vivaci. Manteniamo comunque bicchieri e posate tradizionali, scegliendo magari dei barattolini di pane con tante varietà, per dare agli ospiti la possibilità di scelta. Posizioniamo dei piccoli fiori in prossimità dei posti dedicati alle signore e alle ragazze.

Approfondimento

Cosa non fare dopo i 50 anni per il bon ton

Consigliati per te