Seduta col botto per le Borse e Piazza Affari raggiunge un importantissimo obiettivo che la pone in rampa di lancio

Finisce col botto la settimana delle Borse europee. Nonostante fosse l’ultima seduta della settimana, in genere non favorevole ai mercati azionari, oggi le Piazze UE hanno chiuso in forte guadagno. Anche la Borsa di Milano ha chiuso in deciso rialzo, raggiungendo un importantissimo obiettivo, nonostante il calo dell’8% di un importante titolo. Tonfo che è stato controbilanciato da un inaspettato balzo di un’altra blue chips, che ha chiuso con un rialzo superiore al 9%.

La FED impensierisce i mercati ma Wall Street corre

Grazie all’ultima seduta dell’ottava, questa settimana potrebbe essere quella di svolta per le Borse europee. La settimana che segna il passaggio dalla fase ribassista alla fase rialzista. Nella seduta odierna i listini azionari sono partiti in deciso rialzo, spinti dalla chiusura positiva della Borsa americana nella giornata di ieri. I listini europei hanno avuto un crescendo durante tutto l’arco della seduta. Nel pomeriggio c’è stata una accelerazione dopo l’avvio in deciso rialzo di Wall Street. Al momento della chiusura delle Piazze in Europa, il Nasdaq stava guadagnando il 3,5% e l’S&P 500 il 2,2%.

Gli operatori professionali non si sono fatti influenzare dalle dichiarazioni del Presidente della FED, per niente rassicuranti in materia dei tassi. Jerome Powell ha ribadito in un’intervista che l’obiettivo primario della Banca centrale americana è di riportare l’inflazione al 2% mantenendo la piena occupazione. Tuttavia, ha detto chiaramente che questo è un obiettivo difficile e il rialzo dei tassi potrebbe frenare crescita economica e mercato del lavoro.

Gli investitori professionali hanno preferito non dare ascolto a queste parole e concentrarsi sui prezzi all’importazione in calo su base annua rispetto ad aprile. La decelerazione dell’incremento dei prezzi alle importazioni in aprile arriva dopo la decelerazione dell’indice dei prezzi alla produzione e dell’indice dei prezzi al consumo. Questo lascia pensare che l’inflazione abbia toccato il picco è che adesso possa tornare a calare. Si spiega probabilmente così l’euforia in avvio del Nasdaq nell’ultima seduta della settimana dopo molte sedute in calo.

Seduta col botto per le Borse e Piazza Affari raggiunge un importantissimo obiettivo che la pone in rampa di lancio

Sul fronte Piazza Affari, la Borsa di Milano ha chiuso con un rialzo del 2%. L’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) ha chiuso a 24.048 punti, riuscendo a raggiungere l’importante obiettivo di chiudere sopra i 24.000 punti. Opening new ways, è il nome del nuovo piano strategico del gruppo Unipol presentato oggi dal Presidente Carlo Cimbri. Nuove vie che, evidentemente, il mercato non ha apprezzato se il titolo ha chiuso in calo dell’8,2%. L’azione ha registrato il risultato peggiore tra tutte le 40 blue chips.

Seduta col botto per le Borse e anche per un titolo del nostro listino, su cui oggi gli acquisti sono stati diffusi. Ben 12 blue chip su 40 hanno guadagnato più del 3%. Saipem spicca su tutte con un guadagno di oltre il 9%, probabilmente spinta dalla fiammata del petrolio, che oggi ha guadagnato più del 3%. Sia il greggio USA che il Brent del Mare del Nord quotavano 110 dollari al barile al momento della chiusura delle contrattazioni in Europa. Sempre tra le blue chips, da segnalare il rialzo di Diasorin del 6,4% e di STMicroelectronics del 6%, in scia al guadagno di ieri. In forte rimbalzo anche Amplifon, dopo il crollo della seduta di giovedì. Il titolo oggi è salito di quasi il 6%.

Approfondimento

Il punto sui mercati

I risultati delle previsioni presenti in questo articolo si basano su calcoli statistici spiegati negli ebook pubblicati da ProiezionidiBorsa ed elaborati sulla base dello storico dei prezzi a disposizione. (Ricordiamo, inoltre, di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te