Se vogliamo rendere eccezionali e gourmet le nostre cipolle e lo scalogno dobbiamo fare questa cosa

Tutti abbiamo presente quell’odore invadente della cucina. Quando d’inverno cuciniamo (male) i cavoli, i cavolfiori o i cavolini di Bruxelles la nostra casa si riempie si quell’odore acre. Un odore che ci pervade tutti i vestiti, il mobilio e pure i divani. Ebbene, purtroppo quell’odore lo possiamo creare anche preparando altre cose.

L’odore di cucina è tipico di chi fa lunghissime preparazioni, di chi usa gli ingredienti come si cucinavano nel secolo passato. Ancora più precisamente, come si cucinava nell’Ottocento, secolo in cui certo c’era già una grande cultura gastronomica. Tuttavia, la scienza non era ancora arrivata a spiegarci come rendere al meglio ogni singolo ingrediente.

Per le cipolle e lo scalogno, il discorso è davvero simile. Con questi due ingredienti possiamo creare delle meraviglie o riempire la nostra casa di cattivi odori. In un articolo passato abbiamo parlato di una ricetta con lo scalogno, ma non abbiamo mai parlato di come renderlo un piatto gourmet. Infatti, Se vogliamo rendere eccezionali e gourmet le nostre cipolle e lo scalogno dobbiamo fare questa cosa.

Il vino

Il vino, meglio conosciuto come nettare degli dei, è ottimo da bere. Tuttavia, è anche ottimo come integratore di ricette e di preparazioni, basta solo saperlo usare al meglio. Vediamo come.

Se vogliamo rendere eccezionali e gourmet le nostre cipolle e lo scalogno dobbiamo fare questa cosa

Innanzitutto dobbiamo soffriggerli con dell’olio di alta qualità o anche con del burro. Anzi, i francesi preferirebbero il burro ma noi siamo italiani e pensiamo che il burro faccia male. Ebbene, ognuno usi il suo grasso preferito, l’importante è ciò che segue.

Infatti, quando la padella ha raggiunto un calore soddisfacente e le nostre cipolle o lo scalogno si sono dorati per bene, è arrivato il momento di prendere il nostro bel bicchiere di Gigondas e sfumare. Il Gigondas è un vino francese del Sud della Francia, molto alcolico e quindi molto zuccherino. Ecco la soluzione, far trasformare l’alcol in zucchero e miscelarlo con il soffritto.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te