Se siete golosi di riso fate molta attenzione perché potrebbe capitarvi questo 

È uno dei tre elementi più consumati al mondo assieme alla pasta e alla pizza: il riso. Compagno inseparabile delle tavole dei grandi paesi orientali in cui funge anche da pane. Anche in Italia però, soprattutto al nord e nelle zone di produzione, il riso svolge un ruolo importante nell’alimentazione quotidiana. Eccellente d’inverno nella sua versione risotto, ma molto usato anche in primavera estate nella versione insalata o riso freddo. Il riso fa bene ed è indispensabile nella nostra alimentazione per il suo amido e le proteine, ma abusarne non fa bene. Se siete golosi di riso fate molta attenzione perché potrebbe capitarvi questo.

Vediamo subito cosa accade

A scanso di equivoci, i nostri Esperti di salute e cucina vi ricordano subito a cosa porta mangiare troppo riso:

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

a) aumentare di peso:

b) sviluppare il diabete di tipo due.

La prima cosa che accade quando mangiamo il riso in abbondanza è quella di alzare l’asticella della bilancia. Il suo elevato contenuto calorico infatti, che ha nell’amido il protagonista indiscusso, può diventare un problema per la nostra salute. Non dobbiamo dimenticare che una tazza di riso apporta 200 calorie. Gli studi alimentari concordano nel ricordare che l’abuso di riso bianco può comportare anche lo sviluppo del diabete.

La misura giusta

Se siete golosi di riso fate molta attenzione perché potrebbe capitare di questo quindi, ma non fatevi prendere dal panico e non rinunciate ho un delizioso risotto. Di seguito vi segnaliamo le quantità corrette per gustarsi un piatto di riso, senza paura di ingrassare:

a) 50 gr circa con minestre e minestroni;

b) 60/70 grammi con le insalate di riso;

c) 80/90 gr per un piatto di risotto.

Non dimenticate anche che troppo riso può portare a elevare oltre misura i livelli glicemici del sangue. Ci permettiamo comunque anche di consigliarvi una passeggiata salutare, a passo spedito, nel caso in cui abbiamo sforato le quantità di cui sopra. Molte volte infatti ci concediamo il bis di uno straordinario risotto particolarmente saporito e invogliante.

Approfondimento

Non gettare il rosmarino cucinato

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te