Se rompono i supporti questi 2 titoli azionari possono perdere un altro 10% almeno!

Piazza Affari apre la giornata di contrattazione in rimbalzo ma se rompono i supporti questi 2  titoli azionari possono perdere un altro 10% almeno! Di chi si tratta? Lo vedremo nei prossimi paragrafi ma prima accenniamo al momento attuale per capire cosa ci potrebbe attendere nei prossimi giorni/settimane.

E’ un momento davvero particolare per i mercati azionari che settimana scorsa hanno chiuso in ordine sparso. I mercati azionari europei con una forte discesa settimanale si sono poi fermati su supporti.  Diversa situazione grafica invece per  Wall Street, che continua a rimanere impostata al rialzo nonostante tutto e tutti.

Chi avrà la meglio? Difficile dirlo a priori ma si raccomanda di seguire la tendenza dei singoli indici azionari senza idee preconcette e congetture che non siano allineate al trend.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Siamo giunti in un momento dove i nodi verranno al pettine e si capirà chiaramente se il rialzo iniziato dai minimi di marzo sia ancora o meno sostenibile per questo scorcio d’state più calda del solito. Era scontato un PIL mondiale a questi livelli? E il PIL americano con il suo forte ribasso?

Come al solito lo spazio non va lasciato  alle congetture e  la parola ora passa ai grafici ed entro domani prime ore di contrattazione, capiremo se i mercati avranno formato il loro minimo o massimo settimanale per poi seguire la tendenza che hanno tracciato.

Se rompono i supporti questi 2 titoli azionari possono perdere un altro 10% almeno!

Banca Mediolanum (MIL:BMED) potrebbe iniziare la settimana in rimbalzo fino ai 6,48/6,55 ma la strada sembra tracciata verso i 5,20. Chiudere le posizioni ribassiste solo in caso di chiusura  giornaliera superiore a 6,525. Primo supporto a 6,15.

Segnaliamo la forte debolezza del titolo Eni che potrebbe continuare a scendere  fino all’area 6,02. Possibili rimbalzi fino a 7,70/8,05. Chiudere le posizioni ribassiste solo con chiusura giornaliera superiore ai 8,40. Primo supporto a 7,475.

Si procederà per step.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.