Se la crisi coinvolgerà ancora le banche, i nostri risparmi sono al sicuro con il bail-in?

Il bravo risparmiatore è chi in primis protegge i suoi risparmi, che di norma lascia in banca. La recente crisi dei mercati finanziari ha colpito in maniera pesante anche  i titoli degli istituti di credito, che si sono dimezzati in meno di un mese. Ma il crollo di questi titoli viene da molto lontano e le quotazioni sono in alcuni casi molto distanti dai loro massimi di sempre. La domanda ci si pone è: se la crisi coinvolgerà ancora le banche, i nostri risparmi sono al sicuro con il bail-in?

La questione riguarda tutti, dal pensionato al ragazzo universitario.

Inquadriamo i singoli aspetti della vicenda.

Lo stato di salute delle banche italiane

Fino a 1-2 mesi fa godevano di ottima salute. A inizio febbraio alcune di esse avevano fatto anche +20%, sull’onda dell’OPA di Intesa su UBI Banca e degli ottimi risultati di gestione del comparto in generale. Poi è scoppiata l’emergenza coronavirus e lo spread si è abbattuto sul Paese UE più debole e per di più focolaio del Covid-19.

Il mercato vende perché Italia e titoli bancari perché?

Se la crisi coinvolgerà ancora le banche, i nostri risparmi sono al sicuro con il bail-in?

In pratica il mercato:

  • si interroga quante sofferenze dovranno gestire le banche a seguito dell’inevitabile fallimento di alcune PMI?
  • Lo spread che sale crea delle voragini, delle enormi minusvalenze nei bilanci delle banche, da sempre i principali acquirenti del debito italiano.

Il bail-in

Esso è stato introdotto dalla Direttiva BRRD dopo le crisi delle banche europee degli ultimi dieci anni. Gli scandali MPS, Banca  Etruria, le due popolari venete, etc. portarono a una revisione delle norme dei fallimenti bancari: non più a carico dello Stato ma era da girare alla stessa banca. A parole semplici, il legislatore europeo introdusse il principio per cui se una banca fallisce essa deve in primis essere salvata coi soldi interni (‘in’), dei suoi soci. Giustamente si disse: “se a causare il fallimento della banca è stata la gestione ‘allegra’ e/o criminosa del suo cda, sia lei stessa a pagare in primis”.

E allora?

Il timore che pian pianino serpeggia sempre più tra i correntisti è: se la crisi coinvolgerà ancora le banche, i nostri risparmi sono al sicuro con il bail-in?  Dubbi legittimi, che in buona parte vanno fugati: le gestioni bancarie da anni sono sane e eccellenti. Se un problema lo vogliamo ravvisare è quello per cui se non stiamo attenti agli attuali prezzi qualche istituto ce lo compreranno dall’estero. È vero, c’è lo spread che le mina dall’interno, ma dipende pochissimo da loro. Qui la colpa è in gran parte del debito pubblico statale e in via residuale della BCE che non ci dà una mano. Poi vi è un secondo grosso ordine di considerazioni da fare: il bail-in è nato per “punire” i cda maldestri. Ma che colpa hanno oggi quegli amministratori delle banche se sul sistema Italia e mondo si abbatte la pandemia? Siamo fiduciosi quindi che le Autorità monetarie e governative sapranno fare quadrato contro eventuali, remoti rischi di crack di qualche istituto.

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.