Se hai una carenza di questa vitamina rischi di più di ammalarti di Covid-19?

Negli ultimi mesi sono circolate molte notizie sul rapporto fra il coronavirus e un nutriente molto importante: la vitamina D. Ma è vero che, se hai una carenza di questa vitamina, rischi di più di ammalarti di Covid-19? Un recente studio dà nuove risposte.

Occhio alle bufale

Prima di parlare di vitamina D e coronavirus, è necessaria una premessa: non esiste alcuna cura miracolosa per evitare di ammalarsi di Covid-19. Il modo migliore per prevenire la trasmissione del virus resta seguire le raccomandazioni. Igienizzare le mani, mantenere le distanze di sicurezza, indossare la mascherina, restare a casa se hai i sintomi del Covid-19.

Riguardo alla vitamina D, sono circolati negli ultimi mesi articoli che la proponevano come una panacea contro il virus. Il Ministero della Salute si è espresso al riguardo nella sua pagina web dedicata alle bufale, che consigliamo di tenere sempre d’occhio. In particolare il Ministero ha affermato che non ci sono prove scientifiche sul fatto che la vitamina D giochi un ruolo nella protezione dall’infezione da nuovo coronavirus.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Cosa afferma il nuovo studio dell’Università di Chicago

Esistono però svariati studi in corso sul ruolo della vitamina D nella prevenzione del virus. Fra i più recenti, c’è quello pubblicato il 3 settembre da un team di ricercatori dell’Università di Chicago. I ricercatori ci hanno avvicinati a una risposta a questa controversa domanda: è vero che se hai una carenza di questa vitamina rischi di più di ammalarti di Covid-19?

Lo studio ha individuato un’associazione fra la carenza di vitamina D e la probabilità di contrarre l’infezione da coronavirus. In particolare, gli scienziati hanno osservato 489 pazienti i cui livelli di vitamina D erano stati misurati al massimo un anno prima del test per il Covid-19. I pazienti che presentavano una carenza di vitamina D avevano quasi il doppio di probabilità di risultare positivi al virus.

Come affermano gli stessi autori, però, i risultati dello studio sono limitati e nuovi esperimenti sono necessari per stabilire se l’assunzione di vitamina D può aiutare nella protezione dall’infezione.

In ogni caso, uno dei ricercatori ha sottolineato che la vitamina D è importante per il funzionamento del sistema immunitario. Altri studi hanno precedentemente dimostrato l’efficacia della vitamina D nel ridurre il rischio di infezioni dell’apparato respiratorio.

Quindi, se anche la vitamina D non rappresenta una cura miracolosa contro il coronavirus, assumerla è importante per la salute. Clicca qui per scoprire come evitare una carenza di questa preziosa vitamina.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze a riguardo, consultabili qui»)

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.