Scadenze fiscali di maggio 2021 tra imposta di registro e 730 precompilato o IVA e IRPEF e contributo a fondo perduto

Siamo ormai alle soglie di un nuovo mese che porta con sé tutta una serie di appuntamenti con il Fisco che è bene tenere a mente. Le scadenze anzi si rincorrono e susseguono tra un adempimento e un altro. In questa sede proviamo allora a fare il punto della situazione relativa al mese di maggio.

Dunque, scadenze fiscali di maggio 2021 tra imposta di registro e 730 precompilato o IVA e IRPEF e contributo a fondo perduto. Ancora, vedremo anche le date relative alla dichiarazione INTRASTAT e i versamenti “minori” vari. Procediamo con ordine.

Imposta di registro e 730 precompilato

L’imposta di registro da versare entro il 3 maggio riguarda i contratti di locazione sottoscritti senza cedolare secca e stipulati e rinnovati al 1° aprile 2021.

Ricordiamo che si tratta di un’imposta che viene pagata generalmente in parti uguali dal contraente e dal conduttore. Si paga con versamento tramite F24, obbligatoriamente in modo telematico per i titolari di partita IVA. Tutti gli altri potranno invece scegliere di pagare anche attraverso gli istituti bancari e postali preposti.

Spostandoci al 10 maggio ricordiamo che l’Agenzia delle Entrate predisporrà il 730 precompilato in visione ai contribuenti. Questi lo potranno accettare, correggere o integrare a partire dal 14 maggio.

Ritenute, IRPEF e IVA

Procediamo con le scadenze fiscali di maggio 2021 tra imposta di registro e 730 precompilato o IVA e IRPEF e contributo a fondo perduto.

Il 17 maggio è la data ultima per il versamento IRPEF con addizionali da lavoro dei mesi precedenti.

Ancora, sempre per il 17 maggio è prevista la scadenza del versamento IVA relativa al primo trimestre dell’anno in corso.

Infine ricordiamo che i sostituti di imposta, entro questa stessa data, dovranno versare le ritenute sui redditi da lavoro autonomo.

La presentazione della dichiarazione INTRASTAT

Si tratta della dichiarazione relativa a tutte le operazioni intracomunitarie di acquisto o vendita e in capo ad un soggetto titolare di partita IVA. La sua presentazione deve avvenire entro il 25 maggio all’Agenzia delle Dogane, per via telematica con rilevanza mensile.

Data clou del calendario da memorizzare è quella del 28 maggio:  termine ultimo per inoltrare la richiesta del contributo a fondo perduto. Ricordiamo che hanno diritto a compilare tale istanza i titolari di partita IVA con perdita di fatturato di almeno il 30% rispetto al 2019.

Pagamenti e versamenti, quali scadenze fiscali di maggio 2021

Ci avviamo verso il termine delle scadenze fiscali di maggio 2021 tra imposta di registro e 730 precompilato o IVA e IRPEF e contributo a fondo perduto.

Arriviamo infatti alla data del 31 maggio, termine ultimo per tutta una serie di versamenti e pagamenti. In particolare il riferimento è a quanto segue:

a) imposta di registro per i contratti di locazione sottoscritti o rinnovati al 1° maggio;

b) versamento della rata di imposta di bollo sulle fatture elettroniche del primo trimestre 2021;

c) scadenza del bollo auto e dell’imposta sull’assicurazione, da valutare a livello di singole Regioni;

d) il versamento IVA sugli acquisti intracomunitari, da parte degli agricoltori esonerati e degli Enti non commerciali;

e) infine il versamento della ritenuta alla fonte sui redditi sospesi con l’emergenza e dell’imposta sul valore aggiunto.

Ricapitolando, ecco illustrate le scadenze fiscali di maggio 2021 da non perdere di vista.

Consigliati per te