Scade oggi la possibilità di regolarizzare questo adempimento fiscale con sanzione ridotta

Coloro che non hanno ancora provveduto ad effettuare il versamento per l’acconto IVA 2020, avranno tempo fino al 27 gennaio per il ravvedimento ridotto. Tutti quei contribuenti che hanno l’obbligo di liquidazione e versamento mensile o trimestrale hanno l’opportunità di eseguire il saldo con una piccola mora. Scade oggi la possibilità di regolarizzare questo adempimento fiscale con sanzione ridotta e vediamo nello specifico come funziona il pagamento.

A chi si rivolgono i termini della scadenza

Scadeva lo scorso 28 dicembre il termine per il versamento dell’acconto IVA. Tutti quei contribuenti che non vi hanno provveduto entro tale data, hanno tempo fino al 27 gennaio 2021 per il ravvedimento con sanzione ridotta. In sostanza, chi salda il debito entro tale termine, potrà beneficiarie del ravvedimento breve che prevede degli interessi legali e una sanzione contenuta. Tramite modello F24, infatti, si potrà saldare applicando una sanzione pari all’1,5% che corrisponde ad 1/10 della sanzione ordinaria del 30% dimezzata. A tale quota si aggiungono poi le maggiorazioni per gli interessi legali.

Chi sono i contribuenti a cui è indirizzato l’avviso? Nella generalità dei casi si parla di: imprenditori; commercianti; società a vario titolo; lavoratori autonomi o professionisti; istituti di credito; intermediari finanziari e altro. Dall’obbligo di versamento entro i suddetti termini è possibile escludere solo quelle categorie che prevede il D.L. n. 157/2020. Questi ultimi infatti avranno tempo fino al prossimo 16 marzo per il versamento dell’acconto IVA. Naturalmente si esclude anche dalla rosa dei destinatari coloro che hanno già effettuato tutti i versamenti come sopra.

Scade oggi la possibilità di regolarizzare questo adempimento fiscale con sanzione ridotta

Coloro che intendono regolarizzare la propria posizione fiscale pagando dei balzelli ridotti, avranno tempo fino al 27 di gennaio 2021. Sarà possibile pagare quanto dovuto tramite modello F24. I Codici Tributo che si dovranno utilizzare sono i seguenti: 6013 per il versamento dell’acconto IVA mensile; 8904 per la sanzione pecuniaria IVA; 6035 per il versamento IVA in acconto. Ecco come ed entro quando sarà possibile applicare il ravvedimento breve con l’applicazione della sanzione ridotta.

Approfondimento

Le nuove sanzioni del Fisco sulla trasmissione dei corrispettivi telematici per titolari di partita IVA

Consigliati per te