Scade il 16 marzo l’invio di questo importante documento all’Agenzia delle Entrate

Il calendario fiscale per il nuovo anno ha già fissato numerose scadenze e alcune di queste sembrano essere molto vicine per alcuni contribuenti. La trasmissione telematica da parte di sostituti di imposta e soggetti obbligati questa volta coinvolte la Certificazione Unica. Scade il 16 marzo l’invio di questo importante documento all’Agenzia delle Entrate che presenta alcune novità connesse al taglio del cuneo fiscale. Illustriamo di seguito quali sono i soggetti che hanno l’obbligo di invio entro il 16 di marzo.

Quali sono le scadenze da ricordare

La Certificazione Unica rappresenta un documento fiscale necessario affinché il contribuente possa eseguire in maniera corretta la propria dichiarazione dei redditi. Quest’anno abbiamo incontrato già delle novità circa l’invio del modulo a pensionati e altri iscritti da parte dell’INPS in qualità di sostituto di imposta. Nell’articolo “L’INPS informa sulle novità che ogni pensionato riceverà col cedolino di pensione” abbiamo indicato come ricevere la CU direttamente al proprio indirizzo email. Nel 2021 hanno l’obbligo di invio della CU entro il 16 di marzo tutti coloro che hanno corrisposto nel 2020 delle somme dei valori soggetti a ritenuta alla fonte.

Tra questi vi rientrano nella generalità dei casi: redditi da lavoro dipendente o assimilati; redditi per lavoro autonomo, provvigioni o redditi differenti; corrispettivi e altri redditi che ha corrisposto lo Stato; compensi erogati per atti di pignoramento e altro. I sostituti di imposta e altri soggetti con obbligo di invio cosa dovranno fare dunque con la Certificazione Unica? Per loro scade il 16 marzo l’invio di questo importante documento all’Agenzia delle Entrate. Dopo tale termine, l’Amministrazione finanziaria procederà ad autorizzare i cittadini alla consultazione delle dichiarazioni dei redditi precompilate a partire dal prossimo 30 di aprile. Le eventuali modifiche che ciascun contribuente vorrà apportare al proprio modello saranno accessibili solo dal prossimo 14 maggio 2021.

Novità relative al taglio del cuneo fiscale per i lavoratori dipendenti

All’interno della Certificazione Unica che i sostituti dovranno inviare entro il 16 marzo, ci sono delle importanti novità che interessano il taglio del cuneo fiscale. In particolare, queste interessano il lavoro dipendente secondo quanto ha introdotto il D.L. n. 3/2020. Per i lavoratori dipendenti, infatti, sarà presente: il taglio del cuneo di 100 euro al mese per chi ha redditi entro i 28.000 euro; una detrazione IRPEF aggiuntiva per coloro che hanno redditi tra i 28.000 e 40.000 euro. Pertanto, i sostituti di imposta avranno l’obbligo di indicare tutte le informazioni utili nelle sezioni: Dati Anagrafici; Dati Fiscali e Altri Dati.

Consigliati per te