Saporito e fumante, un buon brodo caldo è ideale per scaldarsi ma attenzione a questo errore

Quando le temperature iniziano a calare non c’è niente di meglio di un buon piatto caldo. Già dalla prima cucchiaiata sentiamo subito il calore diffondersi addosso e ci sentiamo quasi subito meglio. Anche per questo motivo quando abbiamo un po’ di raffreddore o influenza preferiamo un buon brodo caldo. Che sia vegetale, di carne o di pollo poco importa, l’importante è che ci riscaldi velocemente.

Lo sanno bene gli abitanti di paesi di montagna o di Stati nel Nord del Mondo. Quando fa freddo non serve solo coprirsi ma anche mangiare piatti caldi per sentirsi bene. Sicuramente il brodo più consistente e sostanzioso di tutti è il brodo di carne. Anche se buonissimo, il brodo vegetale non è così saporito come quello di manzo o pollo.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
La nuova friggitrice ad aria che amerai: zero odori, zero schizzi

SCOPRI IL PREZZO

Oil free

Saporito e fumante, un buon brodo caldo è ideale per scaldarsi ma attenzione a questo errore

Infatti il brodo di carne anche se a base di acqua contiene anche proteine, grassi e vitamine. Questo perché i nutrienti vengono rilasciati dalla carne che durante il processo di cottura va ad insaporire il brodo. Però non pensiamo che il brodo di carne dia un apporto di vitamine e proteine come ad esempio una bistecca.

Con il processo di cottura in acqua si perderebbero molte vitamine e la concentrazione di proteine si abbasserebbe. Lasciando però la parte più grassa dei tagli in genere più utilizzati per il brodo. Quindi per evitare di assumere troppe calorie è meglio non saltare questo passaggio.

La sgrassatura è fondamentale per consumare un brodo più salutare ed evitare grassi in eccesso. Inoltre procedendo con la sgrassatura andremo a purificare il brodo di carne da altri residui presenti.

Possiamo procedere a togliere il grasso in eccesso durante la cottura usando una schiumarola. Infatti mentre acqua e carne bolliranno si formerà una schiuma sulla superficie che andrebbe eliminata. Oppure basterà aggiungere un albume per ogni litro di brodo e lasciare bollire per almeno 40 minuti. L’albume andrà a mescolarsi con la schiuma in superficie che formerà una crosticina con tutte le impurità. Basterà toglierla, filtrare il brodo e poi servire.

Un ulteriore metodo

Un altro metodo potrebbe essere di far raffreddare il brodo dopo la cottura e trasferirlo poi in frigorifero per una notte a riposare. Il grasso tende a galleggiare sui liquidi e quindi si depositerà tutto in superficie. Con un cucchiaio o un coltello potremo rimuovere lo strato di grasso superiore senza alcuno sforzo. Ma prima di servire ricordiamoci di filtrarlo sempre.

È vero che spesso ci affidiamo a dadi pronti o brodo in scatola, ma facciamo attenzione. All’interno di questi prodotti potremmo trovare glutammato e sodio, potenziale causa di ipertensione. Meglio prepararlo noi e dopo averlo ben sgrassato possiamo conservarlo in frigo o addirittura congelarlo. Così avremo un bel brodo caldo sempre a portata di mano con la ricetta del dado fatto in casa.

Insomma, saporito e fumante, un buon brodo caldo è ideale per scaldarsi ma attenzione a questo errore. Ora possiamo prepararne in abbondanza e accompagnarlo a dei gustosi e avvolgenti canederli fatti in casa?

Approfondimento

Per riscaldarsi nelle giornate più fredde non c’è niente di più gustoso di questo piatto invernale

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te