Sali minerali, ecco a cosa servono e perché vanno assunti

Sali minerali: ecco a cosa servono e perché vanno assunti.

Si tratta di sostanze inorganiche che di norma il corpo umano assume attraverso il cibo e l’acqua. Essi assolvono a numerose funzioni vitali per l’organismo. Entriamo nel vivo dell’argomento e parliamo dei sali minerali, ecco a cosa servono e perché vanno assunti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Quali sono i sali minerali?

Le scienze umane dividono i sali minerali in macroelementi e in microelementi.

Tra i primi abbiamo il fosforo, il calcio, il magnesio, il potassio. E poi ancora sodio, zolfo, cloro. Il fabbisogno umano di questi elementi è espresso in grammi o decimi di grammo. Tra i secondi citiamo il ferro, il fluoro, il rame, il selenio, lo iodio, il silicio ed altri ancora. In questo caso, vanno assunti in milligrammi.

Quali funzioni assolvono nell’organismo?

Malgrado non apportino energie, alcuni di essi, come ad esempio lo iodio per la tiroide, regolano il funzionamento degli organi. Altri si occupano di far funzionare gli enzimi. Altri ancora costituiscono gli elementi di base di alcune parti del corpo, tipo il calcio per i denti e le ossa. Tra le funzioni complesse, cioè svolte da più minerali assieme, citiamo quella del regolamento del processo osmotico delle cellule.

Nel corpo umano, questi sali si possono trovare sia allo stato solido (si pensi alle ossa o ai denti) che in soluzione (come nel sangue e nei liquidi biologici).

La biodisponibilità

Il mangiare alimenti ricchi di sali minerali è il primo passo necessario, ma non sufficiente, per il nostro organismo. Essi infatti devono essere resi “biodisponibili”. Vale a dire assorbiti, poi trasportati lì dove serve. Infine saranno poi trasformati nel principio attivo necessario.

Va detto che la biodisponibilità è abbastanza soggettiva, nel senso che dipende dalle caratteristiche di ogni singolo individuo. Alcuni esempi: il sesso, l’età, lo stile di vita, il tipo di alimentazione, lo stato di salute. Accanto a questi fattori interni, pesano sulla biodisponibilità anche quelli esterni. Esempi: la formula chimica del sale minerale o la modalità di assunzione degli stessi.

Sali minerali, ecco a cosa servono e perché vanno assunti

I latini dicevano che la virtù sta nel mezzo. Tradotto con riferimento ai sali minerali,  mai cadere negli eccessi. Se un individuo segue un regime alimentare sano ed equilibrato, questo sarà, nella maggioranza dei casi, sufficiente a coprire le necessità umane. A volte, tuttavia, possono viversi specifici stadi che ne richiedano un apporto superiore. A titolo di esempio, si pensi a una donna in gravidanza, o ad uno stato di forte stress, o con determinate patologie in corso. In questi casi, potrebbe essere prescritta o resa necessaria un’integrazione della loro assunzione. Tale passaggio, però, va fatto sotto stretto controllo del proprio medico.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te