Saipem si aggiudica contratto per progetto Baltic Pipe

Saipem si occuperà del trasporto e dell’istallazione di un gasdotto tra Danimarca e Polonia nel Mar Baltico. Un’altra importante commessa per Saipem, con il progetto Baltic Pipe che porterà nelle casse della società ingegneristica circa 280 milioni di euro. Contratto assegnato da GAZ-SYSTEM S.A. alla controllata nel Regno Unito Saipem Ltd.

Il progetto Baltic Pipe rafforza la presenza dell’azienda nell’area

Questo contratto contribuirà a “garantire la continuità dell’approvvigionamento di gas europeo e rafforzerà la presenza di Saipem in un un’area altamente strategica”, ha commentato Francesco Racheli, COO della Divisione Offshore E&C. L’infrastruttura porterà alla realizzazione di un nuovo corridoio intereuropeo del gas e fornirà gas direttamente dalla Norvegia in Polonia, Danimarca e nei paesi confinanti. Il progetto Baltic Pipe è sviluppato da una joint venture tra GAZ-SYSTEM SA ed Energinet.dk ed è cofinanziato dall’Unione Europea.

Verrà installato da navi Saipem (MIL:SPM) configurate per la posa S-lay  a profondità comprese tra 4 e 57 metri. Il gasdotto rivestito di cemento misurerà circa 275 km x 36″ tra Danimarca e Polonia.

Saipem staccherà il dividendo il 20 maggio 2020

Saipem ha chiuso il 2019 con una perdita di 84.637.335,58 euro. Decisa la distribuzione di un dividendo pari a 1 centesimo per ogni azione ordinaria e di risparmio. Il dividendo sarà messo in pagamento il 20 maggio 2020 sia per le azioni ordinarie che per le azioni di risparmio. Lo stacco cedola è fissato per il 18 maggio 2020 e record date il 19 maggio 2020.

Robusti i risultati del 1° trimestre 2020

Inoltre, per il 1° trimestre dell’anno, Saipem ha registrato risultati robusti nonostante l’intensificarsi della crisi economica e finanziaria determinata dell’emergenza Covid-19. I ricavi registrati nei primi tre mesi dell’anno ammontano a 2,2 miliardi di euro e il margine ebitda adjusted all’11%.

Negativo, però, l’andamento del titolo Saipem a Piazza Affari, con una discesa di circa il 2%, sulla scia della frenata del prezzo del greggio che sta pesando sull’intero settore europeo.

Approfondimento sul titolo

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te