Safilo Group: da quali livelli potrà ripartire la riscossa del titolo?

Fonte MilanoFinanza

Nessuna novità dall’amministratore delegato di Safilo , Luisa Delgado, e il titolo in borsa cede l’1,18% a 5,84 euro. Il ceo ha dichiarato in un’intervista di essere ottimista sulle prospettive della società per la seconda parte dell’esercizio. Luisa Delgado ha anche confermato l’obiettivo di Safilo  di crescere negli Stati Uniti, dove la quota di mercato è inferiore alle potenzialità dei marchi propri e in licenza, e la volontà di crescere in nuovi mercati come Sud America (Colombia, Cile, Argentina, Messico), Asia, Europa Centrale, Turchia e area Csi.

I brand Rag&Bone e Moschino sosterranno la crescita (si ricorda che dal 2018 Safilo  perderà Celine), così come il rilancio del brand storico Safilo . Il management di Safilo  in occasione dei risultati del secondo trimestre non ha fornito una guidance precisa per quest’anno. “Il problema principale di Safilo  rimane l’indebolimento del portafoglio marchi avvenuta in questi anni e non compensato da nuove licenze rilevanti o dal rafforzamento/acquisto di marchi propri”, hanno osservato quest’oggi gli analisti di Equita, non vedendo “messaggi di novità rispetto a quanto già noto” dalle dichiarazioni di Luisa Delgado.

Equita ha, quindi, confermato il rating hold e il target price a 6,1 euro sul titolo Safilo , Mediobanca Securities, citata dall’agenzia MfDowJones, il rating underperform e il prezzo obiettivo a 5,3 euro. La banca d’affari ha suggerito cautela fino a che non migliorerà la visibilità sulle azioni pianificate dalla società per l’ottimizzazione del suo portafoglio.

La scorsa settimana Banca Imi ha tagliato il giudizio da add a hold con un target price 6,20 euro dopo che Safilo ha archiviato il secondo trimestre con ricavi in calo del 9,8% a cambi correnti a 315,3 milioni di euro e un ebitda adjusted in crescita del 2,9% a 34 milioni. I risultati del periodo sono stati influenzati anche dalla cessazione della licenza Gucci a fine 2016. Nel primo semestre la società ha registrato una perdita netta adjusted di 6,6 milioni dall’utile di 22,9 milioni di un anno prima e alla fine di giugno, il debito netto del gruppo è risultato pari a 112,7 milioni dai 111,3 milioni di fine marzo 2017 e dai 102,8 milioni di fine giugno 2016.


Analisi di Proiezionidiborsa

Ci eravamo occupati di Safilo già ad Aprile (Safilo Group non tiene il passo del settore lusso. Quali attese per il titolo?) quando scrivevamo

Nel corso dell’ultimo anno il titolo ha sotto-performato l’indice di riferimento (settore moda e lusso) con una performance negativa del -15% a fronte di una performance dell’indice di riferimento del +15%.

Anche il 2017 non è iniziato nel migliore dei modi per Safilo Group che da inizio anno ha perso circa il 16%.

Le prospettive per il titolo non sono delle migliori con gli obiettivi ribassisti indicati in figura.

Sono passati circa 4 mesi da quella analisi e tutto è andato secondo le previsioni. Adesso, però, le quotazioni sono in prossimità dell’importantissimo supporto in area 5.626€. La sua rottura favorirebbe un’accelerazione ribassista verso il II° obiettivo naturale in area 1.645€.

Viceversa il recupero di area 9.395€ favorirebbe un’inversione rialzista con obiettivi molto ambiziosi.

blank

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te