Rottura delle resistenze e mancati supporti Intervista a Gian Piero Turletti

IN QUESTA INTERVISTA VORREMMO INIZIARE PROPRIO DAL TITOLO, CHE POTREBBE SEMBRARE CURIOSO.
A COSA SI RIFERISCE?

Monitorando periodicamente la situazione tecnica di diversi assets, indici, future, valute e commodities, capita talora di rilevare situazioni particolarmente interessanti, come quella richiamata nel titolo.
Si riferisce alla situazione del BTP, inteso sia come comparto, sia come future.
Tale situazione tecnica è caratterizzata dal fatto che, raggiunti determinati livelli di resistenza, i corsi tendono a stornare, ma solo per dare luogo a occasioni d’acquisto quasi immediate. Infatti i supporti spesso non vengono neppure raggiunti ed i precedenti livelli massimo, resistenze statiche, vengono invece prontamente rotti al rialzo.

A COSA SI DEVE UNA TALE SITUAZIONE?

Va soprattutto considerato il livello di liquidità, tuttora presente in misura rilevante sui mercati, che in ottica di investimento tende tuttora a prediligere strumenti come i titoli di stato italiano.

NESSUNA CRISI ALL’ORIZZONTE, DUNQUE?

Questo non può mai essere escluso a priori, ad esempio nel caso di crisi di governo.
A mio avviso per assistere ad una effettiva inversione di tendenza del BTP, occorre attendere l’eventuale rottura di livelli supportivi di un certo rilievo, come il bordo inferiore del canale di medio/lungo termine che inquadra le quotazioni ormai da diversi anni, ed attualmente intersecante area 109,5.
Un eventuale ritorno verso tale riferimento supportivo andrebbe attentamente monitorato.
Una tenuta del medesimo sarebbe interessante opportunità di acquisto, mentre la sua rottura ribassista deporrebbe a favore della fine del trend rialzista in corso da diversi anni.

PARLIAMO DI MERCATI AZIONARI: PUO’ ORIENTARE IL LETTORE AD UNA MIGLIOR COMPRENSIONE DEI MOVIMENTI CHE NEL TEMPO SONO ANDATI ALTERNANDOSI SUI MERCATI DA LEI SINORA ANTICIPATI A VARIE RIPRESE?

Va premesso che di seguito darò indicazioni di lungo termine, che non coinvolgono i movimenti di breve/medio termine, che le borse possono incontrare.
Osservando le principali borse occidentali, appare chiaro, graficamente, come queste siano inserite in canali rialzisti di lungo termine.
Nel tempo, in diversi interventi avevo proiettato livelli di tempo e setup temporali, che apparivano probabili candidati per un’inversione di lungo.
La situazione attuale va quindi vista come una sorta di metà del guado.
I corsi di alcuni importanti indici, in particolare Dax e Dow Jones, hanno intersecato livelli resistenziali che rendevano probabile un’inversione di lungo termine, da cui sono arretrati.
Tuttavia per poter parlare di un’inversione di lungo termine, occorre ancora attendere alcune conferme, in particolare la rottura dei bordi inferiori dei canali rialzisti, di cui parlavo sopra.
Trattandosi di supporti dinamici, il loro livello varia con il tempo, quindi preferisco indicare i punti di congiunzione delle rette supportive di lungo, invece che indicare precisi livelli numerici.
In tal modo, chiunque lo desideri potrà, con un semplice software di analisi tecnica, monitorare l’evolversi della situazione tecnica:
Dow Jones: retta intersecante i minimi di marzo 2009 e settembre 2011
Dax: primo supporto intersecante i minimi di settembre 2011 e giugno 2012
Secondo supporto intersecante i minimi di marzo 2009 e settembre 2011
Ftse Mib: supporto intersecante i minimi di luglio 2012 e giugno 2013
Eurostoxx: supporto intersecante i minimi di giugno 2012 e giugno 2013.

QUANTO COSTA ABBONARSI AL BLOG RISERVATO?

ABBONAMENTO A BLOG RISERVATO RISERVATO A SOLI 98,00 CON DURATA 1 mese

Clicca sul Link sotto per Acquistare

http://www.proiezionidiborsa.com/buy.asp?ID=38

Se vuoi acquistare l’Abbonamento Trimestrale al Prezzo di 200,00 scrivi a vendite@proiezionidiborsa.com indicando Nome Cognome Codice Fiscale e numero telefonico e ti saranno inviate le coordinate per il pagamento

CLICCA QUI PER SCARICARE LO STORICO OPERAZIONI DEL BLOG DEGLI ULTIMI 12 MESI

Consigliati per te