Rossore e prurito possono essere sintomi di un’allergia sottovalutata ma molto comune non facile da riconoscere

Negli ultimi anni i raggi del sole sono più forti e intensi. La comparsa di sfoghi o rush cutanei è diventata molto frequente. Per tale ragione, quando la stagione calda si avvicina, è bene capire se la nostra pelle gradisce l’esposizione solare o meno. In taluni casi, potrebbe addirittura verificarsi la possibilità di una vera e propria allergia.

A contatto col sole, rossore e prurito possono essere sintomi di un’allergia sottovalutata ma molto comune non facile da riconoscere. Ecco una guida su come riconoscere e trattare l’allergia ai raggi solari.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Cos’è l’allergia al sole

L’allergia ai raggi solari può presentarsi di punto in bianco. È una dermatite che ha tre diversi tipi di origine:

  • genetica, presente sin dalla giovinezza;
  • da eccessiva esposizione al sole;
  • fotoallergica, legata all’uso di farmaci o altre sostanze chimiche (prodotti cosmetici e solari).

In tutti i casi, il sistema immunitario reagisce ai raggi solari vedendoli come “sostanze estranee” all’organismo. È per questa ragione che attiva le sue difese.

La sintomatologia dell’allergia al sole è in tutti i casi molto simile. Si presenta con rossore di alcune aree del corpo, comparsa di orticaria e nei casi più gravi presenza di pomfi, bolle e vesciche. La pelle esposta al sole potrebbe risultare addirittura dolorante.

Rossore e prurito possono essere sintomi di un’allergia sottovalutata ma molto comune non facile da riconoscere

Se si individuano tutti questi sintomi, è il caso di evitare di esporsi al sole specialmente nelle ore più calde. La protezione dei punti più fragili (viso, occhi, interno braccia, petto, seno) è fondamentale. In questo caso si può utilizzare una protezione molto alta in caso di esposizione e occhiali da sole.

Comunque è sconsigliato l’uso di filtri chimici, poiché aumentano la sensibilità ed espongono maggiormente la pelle. Bisogna evitare esposizioni prolungate, sempre da effettuarsi al mattino presto o alla sera.

Di conseguenza è bene rivolgersi a un dermatologo o allergologo specialista. Grazie al test di fotosensibilità e al photopatch test si stabilirà la diagnosi. Solitamente i trattamenti di cui ci si serve per alleviare l’allergia sono la fototerapia o terapia con medicinali. Lo specialista saprà individuare la terapia migliore e più congeniale alla persona.

Approfondimento

Preparare la pelle al primo sole è fondamentale per non avere brutte sorprese

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te