Riuscirà Draghi a formare il suo Governo?

Mario Draghi, nonostante il continuo aumento preoccupante degli scettici, ce la farà.

Senza ombra di dubbio, sarà il futuro Presidente del Consiglio della nostra Nazione.

E questo non sono solo a dirlo personaggi di notevole spessore politico come l’ex ministro Rino Formica, ma la stessa composizione del Parlamento italiano attuale.

Rino Formica, alla sua veneranda età di 93 anni, fa delle dichiarazioni politiche di una lucidità impressionate, da far invidia a qualunque dottrinario di Scienze della Politica.

L’ex Ministro, nelle sue brillanti intuizioni, fornisce senza giri di parole, la chiave di lettura del successo che avrà sicuramente Mario Draghi.

Nel Parlamento italiano il Movimento 5 Stelle rappresenta il 32%, ma attualmente, dice Formica, “se raggiungono il 15% è grasso che cola”.

Riuscirà Draghi a formare il suo Governo?

Quindi, ben venga il teatrino della politica, nel quale ognuno mantiene le proprie posizioni di rito per non perdere la faccia ma alla fine nessuno vorrà andare a casa di sua volontà.

Tutti noi sappiamo benissimo che moltissimi dei deputati e senatori eletti nel Movimento 5 Stelle nelle ultime elezioni, non avranno nessuna possibilità di farcela alle prossime.

I deputati e i senatori, di tutte le forze politiche, sanno molte bene che al prossimo turno elettorale, non ce la faranno a passare il turno. Sia per la diminuzione del numero degli eletti, sia perché sarà una campagna particolarmente dura ed impegnativa.

Questo è il punto di forza di Draghi, centinaia di rappresentanti eletti che difficilmente avranno voglia di dimettersi prima del tempo.

Inoltre, in presenza di una così autorevole personalità di livello mondiale nel campo dell’economia e della finanza, chi sarà il personaggio politico o la forza politica che non darà il suo appoggio?

Il prossimo Presidente del Consiglio

Rino Formica non ha certo la palla di vetro, ma ha un senso della politica notevole. E quindi Mario Draghi sarà il nostro prossimo Presidente, anch’io ne sono convinto.

Fare il Presidente sarà facile per Draghi, più difficile sarà portare avanti la sua politica, la palude è sempre in agguato.

Dopo il 3 agosto, con il semestre bianco di Mattarella e quindi l’impossibilità di sciogliere il Parlamento, i problemi di Mario verranno fuori.

A questo punto potremo vedere che in molti proveranno a mettersi di traverso alla politica governativa del neo Presidente del Consiglio.

Personalmente sono molto positivo sulla riuscita e nascita del Governo Draghi, ho molti più dubbi e perplessità sulla possibilità della piena attuazione della sua linea politica.

Riuscirà Draghi a formare il suo Governo? Il Prof. è anche un fine politico, ma nell’attuale Parlamento italiano la frammentazione è troppo elevata.

Per dirla con il Prof. Sartori, con il pluralismo polarizzato si va da poche parti, ma a questo problema nessuno vuol porre rimedio. Troppi interessi particolari e soprattutto personali.

Consigliati per te