Ritardi nei pagamenti: Banche e Poste Italiane anticipano lo stipendio ai loro clienti

Molte famiglie nel nostro Paese combattono tutti i giorni contro una serie di difficoltà economiche legate anche all’emergenza coronavirus.

Molte sono ancora in attesa di riceve dal Governo gli aiuti economici promessi e i ritardi, di certo, non le aiutano.

Tra i lavoratori in difficoltà anche chi da tempo ha richiesto la Cassa integrazione e non ha ancora ricevuto lo stipendio.

Una soluzione per aggirare le tempistiche lunghe di pagamento da parte dell’INPS è la richiesta di anticipo della cassa integrazione da parte delle banche e da oggi anche da Poste Italiane.

Ritardi nei pagamenti: Banche e Poste Italiane anticipano lo stipendio ai loro clienti

Con un accordo tra Governo e ABI è stata concessa la possibilità, per il lavoratore, di richiedere il pagamento anticipato dell’assegno, fino ad un massimo di 1.400 euro agli istituti di credito.

In questo caso, è il lavoratore a doversi attivare ed informarsi sulle banche che hanno aderito al protocollo, alla convenzione ABI e richiedere di accedere all’anticipo della cassa integrazione.

Le banche che hanno aderito alla convezione e le Poste italiane intendono offrire un sostegno concreto ai lavoratori destinatari di uno dei trattamenti di integrazione salariale ordinario o in deroga per aiutarli ad affrontare le esigenze economiche durante l’emergenza Covid – 19.

Come funzionano i servizi di Poste Italiane

I lavoratori in cassa integrazione, qualora il datore non abbia provveduto alla liquidazione della CIG e non hanno ancora ricevuto la mensilità spettante, possono chieder un anticipo sulla cassa integrazione fino a 1400 euro non più solo in banca ma anche alle Poste.

I requisiti per richiedere l’anticipo alle Poste

Per richiedere l’anticipo della cassa integrazione sono necessarie le seguenti condizioni:

cassa integrazione richiesta a zero ore per un massimo di 9 settimane

-titolarità di un conto corrente BancoPosta o carta prepagata Postepay Evolution con accredito dello stipendio

-non aver ricevuto un’altra anticipazione.

Ritardi nei pagamenti: come chiedere l’anticipo della cassa integrazione

Presentare la domanda è piuttosto semplice. Una volta accertata la sussistenza dei requisiti:

-la richiesta può essere presentata direttamente online su internet accedendo alla pagina dedicata sul sito delle Poste italiane

I documenti da allegare alla domanda sono:

-carta di identità, passaporto o patente di guida

-tessera sanitaria

-permesso di soggiorno, se il richiedente è un lavoratore straniero

-ultima busta paga

-modulo di Richiesta Anticipazione Cassa Integrazione Guadagni da compilare e firmare

-attestato INPS di invio domanda Cassa Integrazione Guadagni effettuata dal proprio datore di lavoro

Se l’esito della pratica è positivo, dunque la richiesta viene accolta, l’anticipo CIG sarà erogato direttamente sul conto o sulla carta di riferimento per l’accredito dello stipendio.

Approfondimento

Bollette non pagate: nuovo STOP per gli utenti domestici. E per i non domestici?

Consigliati per te