Rischiamo di perdere centinaia di euro abboccando a questo inganno su Amazon

Ormai siamo tutti consapevoli, soprattutto dopo questi mesi segnati da chiusure e privazioni, come lo shopping e gli acquisti funzionino perfettamente anche online. Anche chi ancora non aveva ceduto a questa nuova tendenza, dopo la pandemia si è dovuto ricredere e ha cominciato ad acquistare su internet. I vantaggi sono molteplici, dalla comodità di acquisto alla possibilità di studiare con calma il prodotto. Se però i pregi sono tanti, dobbiamo ricordarci che ci sono alcuni pericoli a cui dobbiamo fare attenzione. Infatti rischiamo di perdere centinaia di euro abboccando a questo inganno su Amazon

Il colosso dello shopping online

Tutti conosciamo Amazon come il colosso dello shopping online. Non a caso il suo amministratore delegato, Jeff Bezos, risulta ad oggi come l’uomo più ricco del mondo. Ci teniamo a precisare che fare acquisti su questa piattaforma è perfettamente sicuro, soprattutto se a gestire l’intera trattativa è Amazon stessa. Quando invece la spedizione è a cura di terzi, assicuriamoci di fare attenzione a queste cose. Vediamo dunque perché rischiamo di perdere centinaia di euro abboccando a questo inganno su Amazon.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Un finto rimborso

Questa truffa è molto semplice ma, ahimè, ben pensata. Risulta dunque molto facile cascarci. In questo caso i truffatori non fanno altro che mettere il loro prodotto ad un prezzo decisamente più basso rispetto al mercato. Quindi un deumidificatore d’aria ad esempio, che presso alcuni rivenditori troviamo anche al costo di ottocento euro, è venduto a trecento euro. Ovviamente, considerandola un’offerta conveniente, decidiamo di acquistarlo e di procedere con il pagamento. A questo punto cosa fanno i truffatori? Ci contattano dicendo di aver avuto dei problemi nella produzione e o nella spedizione, e ci avvertono che non sarà possibile mandarci il prodotto.

Per chiedere il rimborso che ci spetta ci chiedono di cliccare un link, ovviamente esterno alla piattaforma Amazon, per inserire i nostri dati bancari. Ed è proprio in questo esatto momento che regaliamo a dei perfetti sconosciuti, che non hanno nulla a che fare con la famosa applicazione, il numero della nostra carta. Per non cascare a questi tranelli è necessaria solamente una cosa, ovvero l’attenzione. Ricordiamoci che su Amazon siamo tutelati, ma per rimanere ad esserlo dobbiamo sempre effettuare i pagamenti e inserire i dati all’interno dell’applicazione. Solo così saremo sicuri di non avere problemi con malintenzionati.

Consigliati per te