Rimedi naturali contro i dolori mestruali

Molte donne soffrono di dolori mestruali intensi che rendono i primi giorni del ciclo quasi insopportabili.
La prima cosa da fare in caso di sofferenza acuta è rivolgersi al ginecologo, che potrà stabilire se ci sia un problema di salute.
Alcuni dolori però sono comuni alla maggioranza delle donne senza che vi sia una patologia da risolvere.

I disturbi più frequenti sono spasmi dolorosi al basso ventre, che spesso coinvolgono anche la zona lombare, mal di testa e dolore al seno.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Ecco come contrastare i dolori

I farmaci antinfiammatori sono sicuramente d’aiuto quando i sintomi si presentano acuti e fastidiosi. Tuttavia esistono alternative naturali per chi non può o non vuole assumerli.

Premettiamo che l’efficacia non è la stessa, ma alcuni rimedi naturali contro i dolori mestruali possono comunque aiutare.

Alcuni contribuiscono a prevenire l’acuirsi del dolore, altri a lenirlo. Quando i dolori non sono estremi, potrebbero rivelarsi sufficienti.

Uno dei rimedi più comuni è stare al caldo, in particolare tenere al caldo la pancia. Per qualcuno possono bastare indumenti adeguati, altre trovano sollievo con una borsa dell’acqua calda o con un bagno caldo.

Le piante officinali: rimedi naturali contro i dolori mestruali

Anche bere alcune tisane è indicato per combattere i crampi addominali. Tra le erbe con cui preparare gli infusi ci sono quelle spasmolitiche, o antispastiche, e antinfiammatorie. Ricordiamo l’achillea millefoglie, la potentilla o cinquefoglia, la piscidia piscipula, la camomilla ed il finocchio.
Ci sono poi piante come la melissa officinalis, che oltre ad essere rilassanti e ansiolitiche aiutano il benessere intestinale. Altre piante potenzialmente benefiche sono il tiglio, la calendula e l’iperico.

Infine ricordiamo lo zenzero, utile a contrastare la nausea che spesso si accompagna al dolore e agli spasmi.

L’importanza delle buone abitudini

Il rilassamento può fare davvero la differenza sulla gravità dei dolori mestruali. Evitare fonti di stress e ansia nei giorni delle mestruazioni e in quelli appena precedenti è la cosa migliore, anche se spesso è difficile.

Un’altra abitudine da coltivare è la pratica regolare di sport. L’attività fisica costante, anche leggera, ma praticata almeno a giorni alterni, aiuta a contrastare i sintomi dolorosi e a regolarizzare il ciclo.

Un’attività fisica che sia anche rilassante, come lo yoga, risulta particolarmente indicata.
Anche la dieta è importante, specialmente per quanto riguarda il benessere dell’intestino. Un intestino libero permette di attenuare anche di molto i crampi addominali.

Naturalmente queste abitudini sono da seguire tutti i giorni a prescindere dalla fase del ciclo, ma diventano ancora più cruciali durante le mestruazioni.

In questi giorni è bene fare pasti leggeri, magari piccoli spuntini più volte al giorno, con cibi ricchi di vitamine e sali minerali.

Infine i nostri Esperti ricordano l’importanza della corretta respirazione, che non solo contrasta lo stress, ma protegge l’intero organismo.

Cosa evitare per non peggiorare i sintomi

I rimedi naturali contro i dolori mestruali, includono le cose da non fare e le sostanze da evitare.
Sono sconsigliati i pasti pesanti e difficilmente digeribili, specialmente se molto grassi e salati, oppure ricchi di zuccheri raffinati.

È meglio evitare il consumo di bevande alcoliche e l’eccesso di caffeina e cioccolata, in quanto sostanze nervine.

Il fumo è una minaccia anche per il benessere dell’apparato genitale. Chi fuma può subire l’aggravarsi dei sintomi fastidiosi.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te