Rimarrai a bocca aperta quando scoprirai cosa aggiungono gli amatriciani alla loro famosa ricetta!

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

La pasta all’amatriciana è davvero un piatto storico, interpretato in tante versioni. È difficile davvero trovare qualcuno che non la gradisca. Ma oggi vogliamo, finalmente, svelare il segreto di una vera ricetta, raccontata dagli amatriciani doc. Rimarrai a bocca aperta quando scoprirai cosa aggiungono gli amatriciani alla loro famosa ricetta!

La vera ricetta dell’amatriciana

La prima cosa da fare è procurarsi l’ingrediente principale, che è tassativamente il guanciale DOP di Amatrice; avremo bisogno di circa 150 grammi.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Acquista lo smartwatch XW 6.0 con il 70% di sconto

Scopri ora l'offerta

Smartwatch

Il resto degli ingredienti per 3-4 persone è il seguente:

bucatini 320 grammi

una scatola di pelati (400 gr)

pecorino romano da grattugiare 50 gr

sale q.b

Spesso sentiamo ricette che prevedono l’uso di speck e pancetta, assolutamente contrarie alla tradizione.

Anche l’uso di l’aglio e cipolla viene talvolta consigliato! Sicuramente vanno ad aggiungere sapore al piatto. Ma se vogliamo una ricetta fedele alla tradizione amatriciana, gli ingredienti sono quelli elencati.

Preparazione

Privare il nostro guanciale dalla cotenna e poi tagliarlo a bastoncini non troppo spessi.

Metterlo  nella padella rovente e a fuoco alto facciamo scaturire la reazione di Maillard. In parole semplici, lo facciamo abbrustolire per circa 6-7 minuti, fino a renderli croccanti (attenzione a non farli bruciare).

Rimarrai a bocca aperta quando scoprirai cosa aggiungono gli amatriciani alla loro famosa ricetta! Adesso aggiungiamo il nostro ingrediente segreto: mezzo bicchiere di vino bianco! Lo lasciamo sfumare (sempre a fuoco altro), dopodiché, preleviamo il guanciale con una schiumarola e lo mettiamo da parte. Nella stessa padella, dove è rimasto il grasso, aggiungiamo i pelati e li schiacciamo con una forchetta.

Dopo che hanno raggiungo il bollore, li lasciamo cuocere a fuoco medio-basso per circa 20 minuti. Il sugo non si deve restringere troppo.

Quando i pomodori sono pronti, aggiungiamo il nostro guanciale e lasciamo insaporire per qualche minuto. Saliamo (ma non troppo, ricordiamo che dovremo mettere anche il pecorino).

Nel frattempo che si cuocia il sugo, mettiamo una pentola con dell’acqua, saliamo e la facciamo arrivare al bollore. Buttiamo i bucatini e li facciamo cuocere 1 minuto in meno rispetto al tempo indicato sulla confezione. Preleviamo mezzo bicchiere dell’acqua di cottura, nel caso in cui ci dovesse servire successivamente per allungare il sugo.

Una volta cotta, non resta altro che scolare la pasta, buttarla nella pentola con il sugo e farla saltare sulla fiamma media per uno o due minuti.

Prima di servire, cospargi con del pecorino romano fresco grattugiato. Buona amatriciana!

Per provare una carbonara come non l’hai mai mangiata, consulta questo articolo.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te