Rialzi da record in Borsa per l’indice italiano e per 3 titoli di Piazza Affari

A dispetto di un andamento fiacco, quella di oggi è stata una seduta dei record per le Borse. Sul mercato azionario tedesco l’indice Dax ha realizzato il nuovo massimo storico.

In Piazza Affari il Ftse Mib ha toccato i massimi dell’anno e degli ultimi 12 mesi. Inoltre, sul listino di Milano, alcune azioni hanno messo a segno un rilevante balzo dei prezzi. Analizziamo i rialzi da record in Borsa per l’indice italiano e per 3 titoli di Piazza Affari.

Il fallimento di un fondo speculativo USA frena la corsa delle Borse europee

La prima seduta della settimana è stata fiacca in Europa. Sulla Borse hanno pesato le tensioni dei mercati azionari USA e la vicenda del blocco del Canale di Suez.

Queste due vicende incrementano la poca voglia degli operatori di prendere posizione nella settimana pasquale. Infatti, da venerdì 2 aprile a lunedì 5 aprile, molte Borse saranno chiuse. Si tornerà a pieno regime solamente nella seduta del 6 aprile. Un ponte così lungo mette in apprensione gli operatori, specialmente se la principale Borsa mondiale, Wall Street, inizia male la prima seduta della settimana.

Non è tanto l’avvio negativo che ha condizionato gli investitori, ma i motivi, che presto potrebbero riguardare anche le Borse europee. Un grande fondo speculativo statunitense, fonti riportano che il nome è Archegos Capital, ha fatto fallimento.

La notizia ha disturbato il mercato e mandato sotto molti dei titoli bancari americani. La notizia può sembrare di scarsa importanza, ma chi opera in Borsa ricorda come in passato il fallimento di hedge fund semi sconosciuti, poi travolgesse il mercato azionario.

Rialzi da record in Borsa per l’indice italiano e per 3 titoli di Piazza Affari

Anche la Borsa italiana oggi ha avuto un andamento piatto. L’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) ha chiuso in rialzo dello 0,12% chiudendo a 24.421 punti. Una variazione minima che nasconde un’importante novità. Nel pomeriggio l’indice delle blue chip ha realizzato due record. Ha toccato il massimo da inizio dell’anno a 24.485 punti, che è anche il massimo degli ultimi 12 mesi. Se queste notizie non avessero disturbato il mercato azionario europeo, il primo giorno della settimana sarebbe stato molto più brillante.

Il rialzo è stato favorito da due titoli in particolare, Poste Italiane e Telecom, che sono stati tra i più scambiati. Poste, che ha terminato in rialzo del 2,2%, è salito grazie alle impressioni positive degli analisti che hanno incontrato il management della società. Telecom, che ha guadagnato l’1,6%, prosegue il recupero delle quotazioni, iniziato la scorsa settimana.

Ma il balzo incredibile lo hanno fatto 3 titoli a piccola capitalizzazione. Conafi, di cui abbiamo parlato in questo articolo, Caleffi e Nova Re, hanno messo a segno rialzi da record, tra il 15% e il 16%.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te