Queste sono le regole che vigono per chi ha appena preso la patente

Molti attendono il compimento dei 18 anni di età per prendere la patente e raggiungere la propria indipendenza. Il Codice della Strada stabilisce regole speciali e limitazioni per i neo patentati. Queste sono le regole che vigono per chi ha appena preso la patente! Preliminarmente, vediamo cosa si intenda per neopatentato. Tecnicamente, per neopatentato si intende chi ha conseguito la patente A2, A, B o B1 da meno di tre anni. Ora, vediamo, quali sono le norme particolari vigenti per questa categoria di patentati.

Limiti di velocità

L’articolo 117 comma 2 del C. D.S prescrive i limiti di velocità valevoli per i neopatentati. Ebbene, per i primi 3 anni dal conseguimento della patente, non è consentito il superamento della velocità di 100 km/h sulle autostrade. Mentre, il limite è di 90 km/h sulle strade extraurbane principali. I neopatentati che dovessero superare questi limiti, sono soggetti ad una sanzione pecuniaria che va da 161 a 647euro. A questa si aggiunge la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della validità della patente di guida da due a otto mesi. Inoltre, l’articolo 142 comma 7-9bis, stabilisce anche ulteriori sanzioni, previste per il superamento dei limiti di velocità. In particolare, per: 1) superamento di oltre 10 km/h e di non oltre 40 km/h, abbiamo una sanzione pecuniaria che va da 173 a 695 euro. 2) Superamento di oltre 40 km/h e di non oltre 60 km/h: sanzione da 544 a 2.174 euro, più la sospensione della patente di guida da 1 a 3 mesi. 3) Per il superamento di oltre 60 km/h, la sanzione va da 847 a 3.389 euro, con in più, la sospensione della patente di guida da 6 a 12 mesi.

Limiti potenza

Oltre ai limiti di velocità che i neopatentati devono rispettare nei primi 3 anni, si aggiungono anche quelli relativi alla potenza delle vetture che possono guidare. Ai titolari di patente di guida di categoria B, infatti, per il primo anno dal rilascio, vige un limite di potenza rapportato alla tara. Nella specie, non è consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza superiore a 55 kW/t. Nel caso di veicoli di categoria M1, si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW. In caso di violazione della regola si è soggetti, alla sanzione pecuniaria da 165 a 661 euro. In più, si avrà la sospensione della patente da 2 ad 8 mesi. Detti limiti, vengono meno se l’auto è adibita al trasporto di persone invalide. Le indicazioni relative alla potenza, sin qui descritte, sono consultabili sulla carta di circolazione del veicolo.

Cilindrata

Per i neopatentati sussiste anche un limite di cilindrata delle auto che possono essere guidate. Il limite cavalli previsto dal Codice della Strada, è di 75 CV. Esso vige per coloro che hanno conseguito la patente da meno di un anno. In tal caso, le limitazioni patente B valgono solo per il primo anno, mentre le regole relative ai limiti di velocità, per i primi 3 anni. Anche in questo caso, però, per capire quali auto possono essere condotte dai neopatentati, occorre controllare sulla carta di circolazione.

Punti patente neopatentati

A tutto quanto fin qui esposto, si aggiunge un ulteriore aggravio. Ossia, per ogni sanzione che prevede la decurtazione di punti dalla patente, i neopatentati vengono sanzionati con la sottrazione del doppio dei punti. E’quanto previsto dall’articolo 126 bis del C.D.S.

Limiti alcol

Molto rigorosi sono, inoltre, i limiti di tasso alcolemico previsti per i neopatentati. La tolleranza, infatti, è pari a zero per i soggetti minori di 21 anni e per chi ha conseguito la patente da meno di 3 anni. La guida ai neopatentati sarà quindi totalmente vietata nel caso in cui questi abbiano assunto anche una modesta quantità di alcol prima di mettersi al volante. Le sanzioni, come per tutti gli altri patentati, variano in base alla concentrazione di alcol presente nel sangue:

a) da 0 a 0,5 g/l: sanzione pecuniaria di 163 euro più la decurtazione di 10 punti dalla patente;

b) da 0,5 a 0,8 g/l: sanzione pecuniaria di 702,67 euro più la decurtazione di 20 punti dalla patente oltre alla sospensione da 4 a 8 mesi;

c) da 0,8 a 1,5 g/l: sanzione pecuniaria da 1.066,67 a 4.800 euro, sottrazione di 20 punti dalla patente.

Poi, è prevista la sospensione della patente da 8 a 18 mesi e fino a 9 mesi di carcere;

d) tasso superiore a 1,5 g/l: sanzione pecuniaria da 2.000 a 9.000 euro, sottrazione di 20 punti dalla patente. A ciò si aggiunga la sospensione patente da 16 a 36 mesi, da 8 a 18 mesi di carcere e la confisca del veicolo. Ebbene, in conclusione, queste sono le regole che vigono per chi ha appena preso la patente.  E’ consigliabile anzitutto conoscerle e poi rispettarle, per evitare le esose conseguenze di cui sopra.

Consigliati per te