Questa trappola casalinga per mosche e zanzare è ottima per proteggere gli ulivi

Sempre più aziende agricole e coltivatori privati scelgono di utilizzare metodi biologici per le proprie piante. Ciò significa niente pesticidi, diserbanti o qualsiasi altra sostanza chimica, potenzialmente pericolosa, per il benessere dell’ambiente e dell’uomo.

Dalla scelta del terreno alla concimazione, fino alla lotta contro le malattie il biologico utilizza prodotti totalmente naturali. Negli anni, la diffidenza verso questo tipo di agricoltura è stata quasi totalmente superata.

Su vasta scala, il biologico ha dimostrato di ottenere ottimi risultati in termini di qualità e quantità. Uno dei campi dove ha dimostrato la sua validità è la protezione delle piante da insetti e parassiti nocivi.

Questa trappola casalinga per mosche e zanzare è ottima e ne è un esempio. Creata da una bottiglia in plastica o in PET, utilizza ingredienti completamente naturali che possiamo trovare facilmente. Con pochi euro avremo protetto i nostri olivi dalla terribile mosca olearia, un insetto dannosissimo per questa pianta.

Anche i nostri alberi da frutto saranno meno esposti agli attacchi di questi animali.
Ma è arrivato il momento di vedere come costruirne una in modo semplice e veloce.

Questa trappola casalinga per mosche e zanzare è ottima per proteggere gli ulivi

La mosca olearia è uno dei parassiti che, negli ultimi anni, ha fatto strage di uliveti. Infatti, quando colpisce è capace di distruggere grande parte della produzione con risultati disastrosi. Per chi ha un uliveto è importante saperla riconoscere e agire preventivamente.

L’aspetto è simile a quello della mosca orientale e di quella mediterranea della frutta. Il loro corpo è lungo circa 5mm, con testa rossiccia e occhi verdi tondi e sporgenti. Il colore è giallo, ma con macchie nere sul ventre.

I danni principali della mosca dipendono dall’azione delle larve. Fameliche, spolpano qualsiasi frutto abbiano a tiro. Anche le olive, come i frutti estivi, non sono esenti dal loro attacco. Le mosche adulte, invece, si nutrono del succo dei frutti, che fuoriesce da fori da loro praticati.

Per le olive è un vero danno, perché l’olio che verrà prodotto risulterà acido e meno profumato. In alcuni casi potrebbe presentare un lieve odore di muffa. Nel caso di infestazione sia di mosche olearie, che di quelle della frutta o altri insetti si può costruire una semplice trappola partendo da una bottiglia col tappo.

Bisognerà praticare 4 fori da 0,5 cm sul collo della bottiglia. All’interno bisognerà inserire diversi ingredienti rispetto alle diverse tipologie di insetti. Per la mosca olearia serviranno 750 cc di acqua, 2 cucchiai di lievito di birra in polvere e 1 cucchiaio di solfato d’ammonio.

Per le mosche della frutta, ghiotte di sostanze ammoniacali e proteine, basterà inserire acqua e qualche sardina salata. Poi la bottiglia dovrà essere appesa direttamente all’albero.

Lettura consigliata

Per profumare a lungo tutta la casa e allontanare mosche e zanzare, questo trucco geniale ci farà risparmiare tempo e soldi

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te