Questa settimana potrebbe segnare l’inizio di un profondo ribasso per le azioni Piaggio

Vista la chiusura del 30 aprile, questa settimana potrebbe segnare l’inizio di un profondo ribasso per le azioni Piaggio. La chiusura settimanale, infatti, è stata inferiore all’importantissimo supporto in area 3,23 euro e, a meno di un immediato recupero, questa cosa potrebbe provocare un profondo ribasso.

L’accelerazione ribassista è stata, come accade spesso, la conseguenza di un’ottima trimestrale pubblicata dalla società. Con questa parole l’amministratore delegato di Piaggio Roberto Colaninno ha commentato la trimestrale

“Il Gruppo Piaggio ha archiviato il primo trimestre 2021 con risultati molto positivi a livello globale. I nostri marchi italiani sono sempre più apprezzati per il design, lo stile e la tecnologia; le vendite delle due ruote hanno registrato un incremento del +35% rispetto al 31 marzo 2020 e del +22% rispetto al 31 marzo 2019. I ricavi consolidati sono stati i più elevati dal 2007, e sia l’ebitda che il risultato netto hanno raggiunto nel primo trimestre i migliori valori di sempre”.

L’utile netto è stato pari a 11,1 milioni di euro, più che triplicato rispetto ai 3,1 milioni di euro di fine marzo 2020.

Il titolo, quindi, rimane un investimento dalle ottime prospettive. La reazione agli ottimi dati trimestrali potrebbe essere un’ulteriore conferma del famoso detto “Buy the rumor, sell the news”.

Da notare che la drammatica situazione in India non sta colpendo il sistema produttivo di Piaggio che è molto forte in quel Paese.

Questa settimana potrebbe segnare l’inizio di un profondo ribasso per le azioni Piaggio. Le indicazioni dell’analisi grafica

Piaggio  (MIL:PIA) ha chiuso la seduta del 30 aprile a quota 3,226 euro in ribasso del 5,34% rispetto alla seduta precedente.

Come già detto sul settimanale il mancato immediato recupero di area 3,23 euro potrebbe far scendere le quotazioni almeno fino in area 2,766 euro. Solo, però, una chiusura settimanale inferiore a 2,5 euro farebbe definitivamente accantonare l’impostazione rialzista. Da notare che lo Swing Indicator ha dato un segnale di vendita.

Sul lungo periodo, invece, l’impostazione rialzista è molto solida e solo una chiusura mensile inferiore a 2,836 euro potrebbe far invertire al ribasso la tendenza in corso.

Lo scenario più probabile, a meno di un pronto recupero di are 3,23 euro, quindi, potrebbe essere quello che vede le quotazioni scendere fino in area 2,77 euro prima di una ripartenza al rialzo confermata da una chiusura mensile superiore a 2,836 euro.

Time frame settimanale

piaggioLe linee oblique rosse rappresentano i livelli di Running Bisector; le linee orizzontali i livelli de La Nuova Legge della Vibrazione. Sulla sinistra è mostrato il volume per ciascun livello di prezzo. Il pannello intermedio riporta il segnale di BottomHunter. Il minimo sul time frame considerato è segnato quando è uguale a 1. Il pannello dei volumi mostra il volume scambiato per ciascuna barra confrontato con una media mobile esponenziale zero lag a 20 periodi. Nel pannello inferiore è mostrato lo Swing Indicator che mostra i segnali al rialzo e al ribasso sullo strumento in questione.

Time frame mensile

piaggio

 

Approfondimento

Maggio potrebbe essere un mese tutto al ribasso per il Future Ftse Mib

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te