Questa piccola capitale europea una volta ritenuta noiosa e grigia è una perla piena di divertimento e cultura

cardiff

Con la primavera si riaffaccia la voglia di viaggiare. Le destinazioni sono tante e spesso si possono raggiungere anche con pochi sforzi economici. Sono molti, infatti, gli operatori che operano in tratte con tariffe vantaggiose. Tutto ciò che rimane da fare è iniziare a volare con la fantasia. E poi cercare un aereo.

Oggi parliamo di una destinazione che spesso è tenuta non tanto in considerazione nelle grandi rotte del turismo europeo. Questa città è forse rimasta ai margini nel tempo e poco considerata. Oggi, soprattutto per i giovani, potrebbe essere una perla piena di divertimento e cultura. Si tratta della piccola capitale del Galles, Cardiff.

I punti forti della città

Questa piccola capitale europea si è molto rinnovata negli ultimi decenni. Prima era una città quasi spenta. Perlopiù conosciuta come centro di smistamento del carbone, ora è diventata invece una città attiva, giovane e sorprendentemente godereccia. Inoltre è molto semplice da visitare, visto che il centro storico è piccolo e quasi interamente pedonale.

Se cerchiamo il divertimento dovremmo sapere che il corso principale pullula di locali, pub e piccole discoteche. Lo stesso vale per tutto il centro storico. Verso le 5 del pomeriggio inizieremo a notare carovane di giovani festosi che si incontrano per bere una pinta al bar. Per tutta la sera prosegue il clima di festa e di gioia. Oltretutto, i molti ostelli assicurano un continuo ricambio di turisti e viaggiatori.

Imperdibile lo spettacolo di una partita di rugby presso il Millennium Stadium, il tempio della nazionale gallese di rugby. Avere la fortuna di sentire l’inno intonato dagli 80.000 dragoni rossi è impagabile. Molto divertente è aggirarsi anche per i mercati e gli stand della città, tra i quali le storiche arcade di epoca vittoriana. In questo caso troveremo alcune ricette estremamente golose (e grasse) come il “rarebit“. Parliamo di una vera e propria colata di formaggio sparsa sopra il pane abbrustolito. Da altri piatti forse un italiano potrebbe rimanere meno estasiato. Potrebbe addirittura domandarsi se si stia trovando davvero in Europa. Il pensiero sarebbe inevitabile per il cosiddetto Laverbread, un mix di alghe viscide e colorate proveniente dal Mar Celtico.

Questa piccola capitale europea una volta ritenuta noiosa e grigia è una perla piena di divertimento e cultura

Anche la parte culturale potrebbe riservarci qualche sorpresa. Il Galles è una terra di castelli. In questo caso, l’itinerario al castello di Cardiff è davvero imperdibile. Ci mostra il percorso della storia, visto che una parte della visita è attrezzata come se fosse un percorso bellico. Durante la Seconda Guerra Mondiale, infatti, il castello era diventato un rifugio antiaereo. Molto interessante anche la gita al porto nuovo (la Cardiff Bay), distante qualche fermata di bus dal centro città.

Molti centri culturali, bar e barchette saranno pronti ad ospitarci. Per visitare Cardiff potrebbe essere sufficiente un fine settimana, magari come parte di un percorso primaverile per scoprire il fascino antico della Gran Bretagna. Per giungere a Cardiff è possibile atterrare presso il locale aeroporto oppure a Bristol, distante appena un’ora di autobus dalla capitale.

Se siamo curiosi di riproporre la cucina britannica, ricordiamoci di preparare la leggendaria British breakfast.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te