Questa geniale invenzione potrebbe rendere le operazioni chirurgiche molto più sicure

Una giovane donna americana potrebbe avere appena dato nuovo impulso alla sicurezza in campo medico. Alla base di tutto un nuovo modello di filo per sutura: questa geniale invenzione potrebbe rendere le operazioni chirurgiche molto più sicure.

Lei è Dasia Taylor, studentessa di appena 17 anni di Iowa City, negli Stati uniti; e da quando nel 2019 ha cominciato a lavorare sulla sua invenzione ha avuto riconoscimenti sempre maggiori. Il più recente è il Regeneron Science Talent Search, il più antico concorso di matematica e scienze d’America che la vede tra i finalisti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Dasia ha scelto di occuparsi dei fili da sutura per un motivo ben preciso: il post operatorio nei paesi in via di sviluppo è spesso problematico, e dopo una media dell’11% di tutti gli interventi chirurgici si sviluppano infezioni nel paziente. Un dato tra le 3 e le 4 volte superiore a quanto succede in un normale Paese occidentale.

Questa geniale invenzione potrebbe rendere le operazioni chirurgiche molto più sicure

Ma come rendere a prova di infezione le ferite chirurgiche? Quando se lo è chiesta, Dasia ha avuto un’idea brillante: tingere il filo per sutura con il succo di barbabietola. Sembrerebbe un rimedio della nonna, ma c’è una ragione precisa. Il succo di barbabietola infatti reagisce al pH, la misura dell’acidità della pelle, e lo fa cambiando colore.

Dal momento che le infezioni creano picchi di acidità lungo la ferita, questo significa che il filo per sutura di Dasia rileva in tempo reale l’infezione: lo fa con zero dispendio energetico, passando dal colore rosso originale al viola. Un aiuto fondamentale per medici e chirurghi, che possono bloccare in tempo i  batteri.

Le applicazioni pratiche

Dasia è entusiasta del successo della sua invenzione e soprattutto delle sue applicazioni pratiche. Una delle ricerche che l’aveva spinta a lavorare su questo progetto era lo stato di Paesi africani dove oltre il 20% delle donne sviluppavano infezioni dopo un semplice parto cesareo. Ora grazie al suo lavoro la prevenzione potrà arrivare ovunque, con metodi semplici e naturali e con un costo davvero minimo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te